shinystat spazio napoli calcio news Da Napoli-Lazio a Napoli-Lazio, un anno e un giorno dopo

Da Napoli-Lazio a Napoli-Lazio, un anno e un giorno dopo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il 20 gennaio del 2019 il Napoli affrontava la Lazio al San Paolo. Era campionato e gli azzurri battevano una delle squadre più in forma della Serie A. I biancocelesti erano forti già nella passata stagione ma il Napoli riuscì a vincere sia all’andata che al ritorno. Quella sera al San Paolo gli azzurri non solo batterono la squadra di Simone Inzaghi, ma convinsero il pubblico azzurro per l’ennesima volta con una grandissima prestazione.

Ma cos’è cambiato da un anno e un giorno ad oggi? Questa sera a Fuorigrotta il Napoli affronterà di nuovo la Lazio dopo aver perso 1-0 nell’ultimo scontro all’Olimpico. Ci si gioca la qualificazione alle semifinali di Coppa Italia ma mai come oggi gli azzurri sono sembrati così in difficoltà da partire sfavoriti contro i biancocelesti. Un anno fa sembra lontanissimo. Quella sera segnarono Callejon e Milik. Il primo sembra scomparso dal campo seppur presente fisicamente. Il secondo, invece, è uno dei pochi a salvarsi in questa stagione tormentata. Il migliore in campo fu un altro però: Fabián Ruiz che è apparso distratto come non mai negli ultimi mesi. Lo spagnolo è passato da pedina fondamentale a centrocampista in ombra.

Ovvio, queste non sono le uniche cose che sono cambiate. Non c’è più lo stesso allenatore, così come mancheranno alcuni pilastri che hanno reso la squadra quella che non è più oggi. In un anno il Napoli ha smarrito ciò che di buono aveva costruito nel tempo. Un anno gli azzurri incutevano terrore agli avversari, così come il San Paolo. L’arena di Fuorigrotta è diventato territorio di conquista per gli avversari del Napoli. Quattro sconfitte consecutive in campionato tra le mura dell’impianto partenopeo. Troppe per chiunque, figuriamoci per gli azzurri che ci hanno abituati sempre a tutt’altro. E questa sera con l’aiuto dei tifosi almeno il San Paolo potrebbe tornare a ruggire come faceva un anno fa. Sarebbe già un passo in avanti per riprendere in mano una situazione davvero assurda.

RIPRODUZIONE RISERVATA

GIUSEPPE ANNARUMMA

Preferenze privacy