shinystat spazio napoli calcio news Fedele duro contro Lozano: "Un ectoplasma, una nullità che mi tremare! La più grande bidonata nella storia del Napoli"

Fedele duro contro Lozano: “Un ectoplasma, una nullità che mi tremare! La più grande bidonata nella storia del Napoli”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Duro il commento di Enrico Fedele, ex dirigente, procuratore sportivo e attualmente opinionista, sul quotidiano Roma. Attraverso le colonne del giornale, si legge nel suo editoriale:

“Consentitemi innanzitutto di spiegare il doppio voto che ho dato in pagella ad Ancelotti. Il dieci se l’è meritato perché finalmente si è reso conto che il modulo giusto per questo Napoli è quel 4-3-3 che si adatta alle caratteristiche dei giocatori che ha a disposizione. Voi mi direte: ma che ha fatto di buono se ha stentato a pareggiare con un Torino per niente irresistibile?

E qui entra in ballo il meno dieci perché il terzo uomo in attacco non può certamente essere quell’ectoplasma di Lozano, una nullità che mi fa tremare. Se veramente è questo il pezzo da novanta pagato a fior di milioni di euro, allora sarebbe la più grande bidonata della storia del club azzurro. Secondo me, però, il messicano non viene utilizzato nel suo ruolo perché è il naturale sostituto di Insigne sulla fascia sinistra e non di Callejon.

Meno dieci al tecnico anche per la preoccupante condizione atletica della squadra: il calo registrato anche ieri a Torino è simile a quello accusato nel secondo tempo con il Brescia al San Paolo e in Champions sul campo del Genk. Di chi la colpa se non del tecnico? Occorre porre subito rimedio altrimenti sarà veramente nero il futuro del Napoli. E la sosta arriva a pennello per cercare di curare questo “bubbone”. Intanto cominciamo a renderci conto tutti che l’obiettivo scudetto va cancellato dalla nostra mente e che dobbiamo puntare a non uscire dal giro Champions. A Torino ho visto un Napoli spento, senza gioco sulle fasce, dove anche Insigne è apparso stranamente assente, ma soprattutto senza più quella voglia di cercare il gol a tutti i costi. Insomma un brutto, bruttissimo Napoli con poche note positive: il primo tempo di Fabian Ruiz, la sicurezza di Meret nelle due occasioni in cui è stato chiamato in causa, un Di Lorenzo che si guadagna abbondantemente la sufficienza e un Mertens che corre, lotta e non si arrende mai”.

Preferenze privacy