shinystat spazio napoli calcio news Napoli di Sarri, preparatore atletico: "Infortuni muscolari? Bisogna capire che studio viene fatto. Si sottovaluta il lavoro aerobico, è fondamentale"

Napoli di Sarri, preparatore atletico: “Infortuni muscolari? Bisogna capire che studio viene fatto. Si sottovaluta il lavoro aerobico, è fondamentale”


Francesco Sinatti, preparatore atletico del Napoli di Sarri, all’edizione odierna de Il Mattino ha rilasciato un’intervista, concentrandosi soprattutto sull’elevato numero di infortuni muscolari dell’ultimo periodo in casa azzurra.

Le sue parole:

“Sono certo che il Napoli sia seguito da uno staff di grandi professionisti. Bisogna capire che tipo di studio viene fatto e che tipo di risultati si punta ad ottenere. In particolare, c’ è da capire se si guardano ai dati delle singole partite o se si riflette su una crescita più complessiva. Nei nostri studi scientifici, abbiamo valutato che il lavoro di preparazione atletica può portare, dopo aver analizzato la cilindrata di ogni singolo calciatore, uno sviluppo delle potenzialità pari al 30-40% delle condizioni di partenza. Non conosco la metodologia di allenamento usata ora, gli studi fatti, ma direi che i margini ci sono per una possibile crescita.

Guardando dall’esterno, la sensazione è che Atalanta, ma soprattutto Inter abbiano maggiore intensità, riescano ad esprimere un’ intensità molto continua nell’arco dei novanta minuti, senza grandi pause. Il Napoli, ma anche la Juventus, non regalano la stessa sensazione e questo può comportare un margine di errore molto più alto.

Se c’è qualcuno che pensa che Milik non sa più segnare o che Allan sia quello che può sbagliare qualche chiusura o che qualche altro azzurro abbia dimenticato come si effettua un passaggio, si sbaglia di grosso. Se mantieni l’ intensità per i novanta minuti, allora riesci a sopportare meglio lo stesso sforzo fisico, ma anche il gesto tecnico viene influenzato. Senza intensità, si sbaglia molto più facilmente anche una chiusura difensiva. Gli studi di scienza dello sport dimostrano come le qualità tecniche debbano esser supportate dal punto di vista fisico.

Consiglio? “Credo che si stia sottovalutando l’importanza del lavoro aerobico. Allenarsi senza palla è fondamentale, l’ allenamento aerobico è funzionale alla lucidità. Senza una condizione fisica eccellente, il sistema nervoso non riesce a codificare e leggere le varie situazioni che si presentano in gara. Un calciatore, a questi livelli, deve prendere decine e decine di decisioni in un istante. La lucidità deve esser al top, per questo la forma fisica è propedeutica a prendere decisioni in campo. Solo lo scemare della lucidità in certi momenti della gara porta a vedere degli errori che, altrimenti, non sono spiegabili: anche perché, come nel caso dei calciatori del Napoli, parliamo di atleti di primo livello da tutti i punti di vista. Anche se in allenamento interiorizzi tutti i concetti, in partita non riesci a metterli in atto se non hai la giusta lucidità“.