shinystat spazio napoli calcio news Attenzione Napoli, non creare con Insigne un nuovo caso Icardi!

Attenzione Napoli, non creare con Insigne un nuovo caso Icardi!


Insigne finisce in tribuna contro il Genk. Il Napoli non può rischiare un caso Icardi in casa

Carlo Ancelotti mercoledì contro il Genk ha deciso di spedire Lorenzo Insigne in tribuna. La scelta del tecnico di Reggiolo è stata quantomeno inaspettata. Mai il capitano del Napoli era finito in tribuna per “scelta tecnica” come detto dallo stesso Ancelotti. Il non utilizzo per la seconda volta consecutiva del numero 24 dopo la panchina contro il Brescia ha scoperchiato il vaso di Pandora delle polemiche.

Voci da Castel Volturno di un incontro in settimana tra i due, la riappacificazione già avvenuta, una lite in quel di Genk per la seconda panchina consecutiva, i messaggi dei parenti, i pareri e le opinioni di addetti ai lavori e non e naturalmente la guerra social. I tifosi si dividono tra chi è con e chi è contro, chi invece pensa che sia colpa dell’uno chi dell’altro. Un caos generale insomma.

Polemiche che in un momento delicato come questo per il futuro della stagione azzurra, tutto fanno tranne che bene al Napoli, ad Insigne e a Carlo Ancelotti. L’unica verità emersa mercoledì, l’unica che può essere veramente a nostra disposizione al momento è una ed una soltanto:

Lorenzo Insigne è il capitano del Napoli e non può andare in tribuna per scelta tecnica!

NAPOLI, NON RIPETERE IL CASO ICARDI

Ad oggi, non ci è dato sapere davvero cosa sia successo tra il capitano azzurro e l’allenatore, e al momento poco ci interessa. L’unica cosa che bisogna ricordare, per il bene del Napoli è che Lorenzo Insigne è un patrimonio del Napoli e del calcio Italiano e va preservato non svalutato e messo da parte. Già lo scorso anno abbiamo assistito alla fine di un capitano e alla svalutazione di un capitale tecnico ed economico, ma a quanto pare il Napoli non è stato molto attento a quanto avvenuto a Milano, sponda Inter.

Nella stagione passata, l’Inter nel bel mezzo del cambio societario ai vertici e con la lotta Champions tutta da decidere, era riuscita a complicarsi la vita come raramente si era visto fare prima. Wanda Nara, moglie/agente di Mauro Icardi decide, in diretta nazionale su Tiki Taka, di puntare il dito verso diversi compagni del marito/assistito. La colpa del momento no della squadra, per la bella showgirl argentina, era dei compagni di squadra di Mauro che male lo servivano e non gli permettevano quindi di rendere al meglio in maglia nerazzurra. Tutto ciò che ne è scaturito è ormai storia nota. Icardi messo fuori rosa, la fascia di capitano passata ad Handanovic e il trasferimento in prestito al PSG nell’ultimo giorno di mercato.

Napoli ed il Napoli non può e non deve nemmeno lontanamente ripetere gli stessi errori. Come detto, non ci è dato sapere cosa sia successo con certezza e di chi sia la colpa. Naturalmente Carlo Ancelotti avrà avuto le sue buone ragioni per prendere una decisione così forte. Ora però c’è bisogno di chiarezza da parte di tutti. Società, allenatore e giocatore.

Lorenzo Insigne è il capitano del Napoli e per questo va trattato con rispetto, lo stesso Insigne però ormai ha da tempo superato l’età dei capricci e come capitano dovrebbe essere sempre il primo a dare il buon esempio e a trascinare i compagni dentro e fuori dal campo. In questi momenti però si vede la forza di una società seria. Il Napoli con i suoi uomini di forti, De Laurentiis su tutti naturalmente, ha l’obbligo di risanare l’ambiente e di farlo senza sensazionalismi. Ricordandosi che i panni sporchi, da sempre, si lavano in famiglia.

Per tutte le ultime notizie sul Napoli Calcio CLICCA QUI

RIPRODUZIONE RISERVATA
ILARIO COVINO