shinystat spazio napoli calcio news Pépé all'Arsenal, l'ombra di Mendes e la trattativa James-Napoli

Pépé all’Arsenal, l’ombra di Mendes e la trattativa James-Napoli


James al Napoli passa anche per Pépé all’Arsenal

Nicolas Pépé è finito all’ Arsenal pochi giorni dopo l’arrivo del suo entourage a Dimaro. Possibile che la società Ssc Napoli non fosse stata informata prima dell’incontro di un’eventuale salata commissione da versare agli agenti dell’ivoriano? Possibile che se non ci fosse stato margine per trattare, come hanno dimostrato successivamente gli eventi, il Napoli avrebbe comunque scomodato l’entourage di Pépé, arrivato tra le montagne della Val di Sole in elicottero (mica in silenzio)? Come a voler dare eco a una trattativa che si è dimostrata poi frivola.

E se si fosse trattato solo della ricerca di pressione mediatica? L’Arsenal ci ha messo poco poi a chiudere l’affare accontentando il Lille, il giocatori e i suoi agenti, sciogliendo ogni minimo dubbio sull’acquisto. Qualcuno ha ipotizzato lo zampino di Jorge Mendes nell’affare che ha portato l’ivoriano ai gunners. I buoni rapporti del procuratore portoghese con gli azzurri spiegherebbero quella che potrebbe essere stata una sorta di messa in scena. Per convincere l’Arsenal a chiudere subito la trattativa, certo. Ma non è da escludere che il Napoli stia facendo il suo gioco per convincere il Real Madrid a cedere per James Rodriguez.

I partenopei sono fermi: vogliono il colombiano in prestito. Neanche il Real si smuove, per ora: pretendono i soldi e subito. È anche chiaro che la destinazione ideale sia Napoli, per il Real Madrid e per James Rodriguez. Altrimenti perché non chiudere ancora l’affare con l’Atletico Madrid? Davvero Zidane sta decidendo di trattenere un giocatore ‘bocciato’ e ceduto due stagioni in prestito al BayernMonaco e messo sul mercato fin dal giorno in cui i tedeschi hanno deciso di non riscattarlo? Ai posteri l’ardua sentenza, sperando che una tra Napoli e Real Madrid possa presto cedere e permettere l’arrivo di James in azzurro.

GIUSEPPE ANNARUMMA