shinystat spazio napoli calcio news Ancelotti: "James con la 10? Non importa il numero, ma che indossi la maglia azzurra. No a Insigne per Icardi, è il nostro capitano"

Ancelotti: “James con la 10? Non importa il numero, ma che indossi la maglia azzurra. No a Insigne per Icardi, è il nostro capitano”


Carlo Ancelotti ha parlato durante l’incontro con i tifosi a Folgarida

Inizia l’evento a Folgarida per l’incontro tra Carlo Ancelotti, Faouzi Ghoulam, Giovanni di Lorenzo ed i tifosi. Queste le parole del mister durante l’evento:

VERDI

“Verdi andrà al Torino? Non lo so, si sta allenando bene qui. L’anno scorso ha avuto qualche problema, qualche infortunio. Ha iniziato molto bene, ma non è riuscito ad esprimere tutto il suo potenziale, anche per i vari problemi muscolari, alla caviglia. È una situazione che valuteremo anche in base alla volontà del giocatore”.

CESSIONI

“Chi vendere? Non voglio vendere nessuno, ma se qualcuno vuole andare via giusto che lo faccia”.

IL PIÙ FORTE

“Chi è stato il giocatore più forte del Napoli quest’anno? Non vorrei fare figli e figliastri, sono stato soddisfatto nel complesso. Dobbiamo comunque fare meglio nel complesso, tutti”.

L’ATTACCANTE TITOLARE

“Mertens o Milik titolare? Hanno giocato insieme diverse volte, ma dipende dall’avversario che si affronta”.

MANOVRA TROPPO ELABORATA?

“Rispetto agli anni passati abbiamo giocato un calcio più verticale. I troppi pali rappresentano un dato significativo, cioè che abbiamo avuto tante occasioni, ma abbiamo finalizzato meno”.

KOULIBALY CAPITANO

“Ci sono delle gerarchie da rispettare e dopo Hamsik era il momento di Insigne. Faouzi potrebbe essere un capitano per la personalità e l’influenza sulla squadra, nonostante non abbia un grande numero di presenze”.

IL MERCATO

“Parlo tutti i giorni con il direttore sportivo della rosa ed alla fine della stagione si parla di come migliorare la rosa. Si va di fronte alla realtà, ovvero il mercato. Ci sono alcuni giocatori che possono essere comprati ed altri incedibili. Altri che hanno il piacere di giocare a Napoli ed altri che vedono prima altre strade e poi in seguito sceglierebbero Napoli. Ma noi vogliamo chi voglia essere qui. Se Napoli rappresenta una priorità facciamo di tutto, altrimenti no”.

I RIENTRI

“Mertens arriverà venerdì. Con lui anche Milik, Zielinski, Hysaj e Mario Rui. Il giorno dopo Manolas e Insigne. Il 18 Meret. Fabián verrà direttamente a Napoli. Allan arriva il 7 a Miami. Ospina pure. Koulibaly non si sa, ma non perché sarà venduto, solo per la Coppa d’Africa.

INSIGNE PER ICARDI?

“No, è il capitano e vogliamo che resti qui”.

LA CHAMPIONS

“Al Napoli manca ancora qualcosa per la Champions. Lo scorso anno abbiamo affrontato un girone difficilissimo e quest’anno non solo vogliamo migliorare la nostra qualità, ma speriamo anche di non avere la sfortuna dell’anno passato. Abbiamo incontrato il Liverpool in terza fascia che ha vinto la Champions e li abbiamo anche battuti al San Paolo”.

JAMES O ICARDI?

“È difficile rispondere a questa domanda. Pensare a giocatori che non sono qua significherebbe sminuire quelli che sono qui, che invece vanno apprezzati”.

LOZANO O ICARDI?

“Mi suggerisce Ghoulam che hanno caratteristiche diverse, con uno che è un attaccante moderno, mentre l’altro è un centravanti d’area. Sono stati accostati tanti nomi al Napoli, ma a questo tipo di giocatori non siamo interessati solo noi”.

GLI EPISODI ARBITRALI

“Con il VAR a mio parere le cose sono migliorate. Il calcio è uno sport particolare, dove ad esempio è concesso il contatto e non tutti i contatti sono fallosi, così come tutti i tocchi di mano non sono fallosi. Per il tempo effettivo credo che alla fine ci arriveremo, perché all’inizio non c’era il recupero, poi il recupero effettivo ed ora speriamo si arrivi a contare il tempo effettivo”.

IL GAP CON LA JUVE

“Non è solo un problema di giocatori che arriveranno/partiranno. Bisogna essere più continui, giocare meglio ed avere un tifo, uno stadio con maggior entusiasmo”.

LA 10 A JAMES

“James Rodriguez e la 10 a Napoli? Figuriamoci se penso al numero, l’importante è che sia la maglia azzurra. Ma ora ci vuole solo tempo e pazienza”.

OBIETTIVO

“Scudetto o Champions League? Tutti e due (ride, ndr)”.

FABIÁN RUIZ

“Fabián Ruiz è stato il miglior giocatore dell’Europeo e siamo tutti contenti. Stanno facendo molto bene anche Ounas e Koulibaly in Coppa D’Africa. Anche Allan ha dato il suo contributo, pur giocando poco”.

DAVIDE ANCELOTTI

“Mi trovo bene con mio figlio. È parecchio che lavoriamo insieme e mi fido tanto di lui. Ha tanto entusiasmo e motivazione”.

IL MODULO

“È lo stesso dell’anno scorso. In fase difensiva è un 4-4-2 e resterà lo stesso. In fase di costruzione varierà. Si parla tanto di sistemi, ma i numeri sono legati sono al sistema difensivo, perché quando si ha la palla noi non attacchiamo solo con quattro centrocampisti, ad esempio”.

RUOLO DI JAMES

“Non so se arriva, ce lo auguriamo. Lo conosco molto bene e può giocare un po’ ovunque a centrocampo ed a Madrid addirittura lo utilizzai centrocampista di sinistra. A noi piace giocare con giocatori che giochino dentro al campo piuttosto che ali pure”.

STRATEGIE PER IL PROSSIMO ANNO

“Fare meglio di quanto fatto lo scorso anno, che è stato un anno positivo. A mio parere nella seconda parte della stagione la squadra poteva fare di meglio e sono certo che quest’anno faremo meglio, avendo un gioco più consolidato, alcune certezze ed alcuni innesti. Qualcuno è già arrivato, qualcun altro arriverà”.

I TERZINI

“Al momento abbiamo tre terzini a destra con i Lorenzo Malcuit e Hysaj, mentre a sinistra abbiamo Ghoulam e Mario Rui, con la differenza che Faouzi l’anno scorso era ancora in fase di recupero, mentre quest’anno è al 100%. C’è anche Mario Rui a sinistra e chi vorrà partire si vedrà”.