shinystat spazio napoli calcio news Oliva racconta: "Ho subito minacce e insulti di ogni tipo. Mi hanno augurato di schiantarmi con l'auto"

Oliva racconta: “Ho subito minacce e insulti di ogni tipo. Mi hanno augurato di schiantarmi con l’auto”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Patrizio Oliva, pugile olimpico, ha rilasciato alcune dichiarazioni in diretta a Radio CRC in merito alle minacce subite da alcuni tifosi della Juventus.

Ecco le sue parole:

“Le mie parole hanno suscitato minacce e insulti di ogni tipo. L’augurio più gentile che mi è stato fatto è stato quello di schiantarmi con l’auto. Da ciò si evince che il tifo da stadio è una disciplina da studio psichiatrico.

Sono solo vigliacchi perché e vorrei evitare di portare avanti questa polemica. Ho detto una cosa in maniera molto scherzosa. Perché la Juve è divisa tra Juventini e anti Juventini? Non ho detto che vince grazie agli aiutini, vincono perché sono forti ma qualche volta ci sono gli aiutini. Qualcuno mi ha risposto che sono solo dettagli ma a volte i dettagli possono fare la differenza. Preferisco tirarmi fuori da questa situazione perché faccio il pugile.

Daspo digitale? Il digitale ci insegna che c’è di tutto tra cui episodi di stalking e minacce di ogni tipo. Tardelli dice che non le mie parole ho offeso lo sport, mi domando come faccia a dire una cosa del genere.

Koulibaly? È uno che mi rappresenta, ha i cosiddetti. Dice sempre quello che pensa e quando sta in campo non dice niente a nessuno. È un giocatore molto corretto e quando viene richiamato dall’arbitro, vedi episodio contro l’Inter, ha solo richiamato l’attenzione dell’arbitro. “

Preferenze privacy