shinystat spazio napoli calcio news Ancelotti in conferenza: "Dobbiamo sfruttare il fattore campo col Salisburgo. Napoli-Juventus? Alcune sconfitte fanno meno male di certe vittorie"

Ancelotti in conferenza: “Dobbiamo sfruttare il fattore campo col Salisburgo. Napoli-Juventus? Alcune sconfitte fanno meno male di certe vittorie”


Ancelotti è convinto: non bisogna sottovalutare il Salisburgo

Alla vigilia della gara tra Napoli e Salisburgo, valida per gli ottavi di finale di Europa League, Carlo Ancelotti ha parlato in conferenza stampa. Ecco quanto detto dal mister degli azzurri:

“Differenze tra Champions League ed Europa League? Quest’anno le concorrenti sono molto competitive. Ci sono squadre come il Chelsea, l’Arsenal, il Siviglia, il Valencia che hanno una grande tradizione a livello europeo. Il livello è quasi alla pari cono loro, cambia l’attenzione dei media nei confronti di questa competizione. Per noi, però, cambia davvero poco. Basta pensare alle ultimi vincitrici della competizione: Altetico Madrid e Manchester United.

Insigne? I rigori si possono sbagliare. Si è preso una bella responsabilità.

Scorie dopo Napoli-Juventus in vista di domani? Fisiche non penso perché la squadra sta bene già oggi da quel punto di vista e nemmeno mentali credo. Il risultato va al di là di quelle che sono le prestazioni a volte. Dobbiamo limare alcuni dettagli ma contro la Juve c’è stata una prestazione che ha mostrato una squadra viva, molto vivace.

La sconfitta con la Juventus fa meno male di certe vittorie. A volte si vince ma resta un senso di incompiutezza. Sono amareggiato per il risultato ma sono contento per come giocano i miei ragazzi in questo momento. Ci sono margini di miglioramento. Non stiamo raccogliendo ciò che di buono stiamo producendo ma sono convinto che presto riusciremo a farlo.

Prima in casa col Salisburgo? Sicuramente il fattore campo va sfruttato con intelligenza. Il Salisburgo è una squadra molto aggressiva che verticalizza molto e sfrutta molto il contropiede. Deve essere una partita intelligente perché giocando in casa abbiamo la necessità e la voglia di comandare il gioco cercando di evitare sorprese dal punto di vista difensivo. Il Salisburgo mostra grande sicurezza nei propri mezzi.

Ghoulam? È rientrato solo ad ottobre e se non gioca con continuità è solo perché non è al meglio delle sue condizioni. Ma è disponibile per domani.

Cosa è mancato al Napoli? San Gennaro non ci sta aiutando. La realtà è che dobbiamo far meglio e tutti ci dobbiamo mettere un po’ del nostro, visto che San Gennaro ha altro a cui pensare.

La mia tranquillità? È legata al fatto che il calcio è divertimento e passione e nella vita ci sono cose più importanti.

Var? La discrezionalità è stata un po’ la croce e la delizia degli arbitri da quando è nato il calcio. Col Var si sta cercando di dare ulteriore oggettività al giudizio dell’arbitro. Credo che il Var sia un elemento molto utile, nonostante qualche scompenso che andrebbe rivisto.

Abbiamo vinto partite importanti e abbiamo lottato contro squadre importanti facendo la nostra figura. Questa squadra ha dimostrato di essere competitiva in Europa. Dobbiamo cercare di concretizzare sul campo quello che di buono stiamo facendo in termini di preparazione alle partite.

Sono fermamente convinto che la partita decisiva sarà quella del ritorno. La partita di domani dovrà indirizzare solo la qualificazione, consapevoli che un buon risultato potrebbe giocare a nostro favore in vista della trasferta di Salisburgo. Non bisogna sottovalutare gli austriaci che rappresentano un avversario piuttosto temibile.

Napoli come l’Ajax? Il Napoli deve affidarsi al modello Napoli, l’Ajax cresce i giovani e poi non ha problemi a lasciarli andare, mentre il Napoli ha sempre cercato di tenere i suoi top player. Il ciclo del Real Madrid è finito, come finiscono tutti i cicli. Ci può stare dopo aver vinto quattro Champions.

Formazione? Uno sicuro va in panchina… sono io!