shinystat spazio napoli calcio news Malcuit rivela: "Sentiamo il peso della storia indossando la maglia del Napoli. Qui si vive di calcio. Ancelotti tra i migliori al mondo"

Malcuit rivela: “Sentiamo il peso della storia indossando la maglia del Napoli. Qui si vive di calcio. Ancelotti tra i migliori al mondo”


Kevin Malcuit si racconta ai microfoni di France Football

Kevin Malcuit, l’esterno basso francese che tanto sta facendo bene a Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni al portale francese France Football. Ecco quanto svelato dal terzino partenopeo:

Dopo una mezza stagione a Napoli, quanto sei diverso oggi dal giocatore che è arrivato ad agosto al San Paolo?

“Appena arrivato, ho sentito un’enorme differenza con la Ligue 1 a livello tattico. I primi giorni, ero spesso fuori passo con i miei compagni di squadra. Era necessario assimilare il software di gioco e progredire nel mio posizionamento. Penso di aver lavorato bene a questo livello”.
 
Come ha fatto Carlo Ancelotti a farti migliorare quotidianamente?

“Mi ha fatto soprattutto lavorare sull’aspetto tattico in fase difensiva. Francamente, quando hai la possibilità di avere uno dei migliori allenatori del mondo come lui, ascoltiamo ogni parola perché sappiamo che miglioreremo.

Senti una cultura tattica più forte in Italia?

“Sì, chiaramente. La Serie A è molto diversa. Qui, il senso del dettaglio è molto forte. Prestiamo attenzione a tutto accuratamente. Durante le partite, qualsiasi rilassamento può essere rapidamente pagato”.

Come trovi Napoli e il San Paolo?

Qui a Napoli le persone vivono, mangiano, respirano e dormono nel calcio. Sentiamo il peso della storia indossando la maglia del Napoli. Diego Maradona ha giocato qui … Il calcio è una religione, non importa chi sei nella tua vita di tutti i giorni. Ognuno è un tifoso del Napoli, e questo fervore, questo odore, questa atmosfera, la avvertiamo ogni giorno”
 

Quale compagno di squadra di Napoli ti ha colpito di più

“Mi alleno ogni giorno solo con giocatori di livello internazionale. Ma, parlando alla difesa, voglio dire Kalidou Koulibaly perché è un giocatore completo. Oggi è sicuramente uno dei migliori difensori del mondo e possiamo solo migliorare con lui”

Monaco, Niort, Saint-Etienne, Lille e oggi Napoli. Pensavi che il percorso verso un livello così alto sarebbe stato più breve?

“Capisco questa domanda. È proprio questa carriera atipica, non necessariamente lineare, che mi ha reso il giocatore che sono. Ho conosciuto molte cose, nulla è stato facile ed è per questo che oggi sono in uno dei migliori club d’Europa. Io sono positivo per natura, e voglio superare me stesso e soprattutto spingermi oltre i miei limiti”
 
Giochi in una posizione in cui le possibilità per giocare con la Nazionale francese sono buone. È un obiettivo a breve termine?

“La Nazionale è un sogno e un obiettivo. Questo è anche ciò che ha dettato la mia ultima scelta di carriera. Sono a Napoli perché so che per sperare in una convocazione dalla Francia bisogna passare attraverso un grande club e grandi partite. Ovviamente, l’allenatore fa le sue scelte”
 
Sei stato percepito come un terzino molto offensivo. Ti consideri molto più difensore?

“Mi considero un aiutante offensivo che cerca di mantenere un equilibrio difensivo, perché prima di tutto, gioco come difensore in campo. Da quando sono a Napoli, sono più attento sulla fase difensiva grazie all’esperienza accumulata partita dopo partita.