shinystat spazio napoli calcio news D'Aversa: "Avevamo di fronte la squadra più forte del campionato, ma potevamo far meglio"

D’Aversa: “Avevamo di fronte la squadra più forte del campionato, ma potevamo far meglio”


Ecco le dichiarazioni di Roberto D’Aversa in conferenza stampa nel post partita di Parma Napoli:

Non siamo partiti benissimo nel primo tempo nonostante sapessimo che di fronte avevamo la squadra più forte del campionato. Potevamo fare meglio, nel secondo tempo siamo scesi in campo con un’atteggiamento diverso, l’arbitro ha deciso di non concedere il rigore, poteva essere utile per riaprire la partita. Dopo il terzo gol abbiamo definitivamente perso la partita

Machin ha ricoperto il ruolo di mezz’ala, mancavano diversi giocatori, abbiamo dato un turno di riposo ad alcuni titolari che ne avevano bisogno. Avrei dovuto dare anche ad altri la possibilità di tirare il fiato ma non è stato possibile. Nel secondo tempo comunque abbiamo giocato meglio soprattutto per l’atteggiamento. Quando giochi contro il Napoli ci sta la sconfitta, le partite da vincere non sono queste, la prossima partita è sicuramente decisiva per noi in chiave salvezza.

Gervinho? Ha fatto una buona gara, a volte bisogna fare tirare il fiato anche a lui, non possiamo stare a pensare al singolo quando ci sono delle problematiche nel collettivo. Tutti possiamo fare qualcosa di più per ritornare a vincere. Tutti siamo responsabili e tutti dobbiamo migliorare.

Bisogna cercare di analizzare le motivazioni, non posso dare responsabilità ai singoli giocatori, possiamo trovare una soluzione e cercare di migliorare nel collettivo. Se un singolo fa un errore forse è anche un errore mio che ho sbagliato la collocazione in campo del giocatore.

Abbiamo commesso errori superficiali, bisogna giocare queste partite in . maniera serena e tranquilla, non dobbiamo sbagliare per paura, quello che deve cambiare è la voglia di non concedere situazioni di gol. Nel primo tempo abbiamo avuto occasione di tirare in porta diverse volte e non l’abbiamo fatto. Quando invece attacca il Napoli lo fa con più concretezza. In questo dobbiamo migliorare.

Dobbiamo recriminare le sconfitte con le squadre del nostro livello, come per esempio la Spal. Dobbiamo rimanere sereni e continuare a fare punti per raggiungere il nostro obiettivo. Le chiappe strette dobbiamo averle per raggiungere il nostro obiettivo e non dobbiamo avere paura di nessuno. Quando si parla di obiettivo, il campionato di serie A ci insegna che ci sono squadre che non segnano e non vincono per tante partite di fila, noi dobbiamo tornare a fare punti per raggiungere la salvezza.

Non possiamo sentirci appagati sul fatto che gli altri non fanno punti. Dobbiamo pensare a noi stessi e cercare di tornare a fare i punti che non facciamo da qualche partita. Questa squadra fino a poco tempo fa faceva risultato, nelle ultime partite non è mancato l’atteggiamento, ma la concentrazione.