shinystat spazio napoli calcio news Fedele: "Napoli, in Europa League non vai oltre i quarti di finale. Io spero che Ancelotti..."

Fedele: “Napoli, in Europa League non vai oltre i quarti di finale. Io spero che Ancelotti…”


Enrico Fedele fa il punto all’indomani di Napoli-Zurigo

Enrico Fedele, opinionista e procuratore sportivo, ha parlato all’indomani di Napoli-Zurigo, sulle colonne de ‘Il Roma’.

Questa la sua analisi: “È andata come era previsto: un’altra gara di allenamento come all’andata. Poca cosa lo Zurigo per impensierire il Napoli, sceso, comunque, in campo con una formazione tatticamente squilibrata che si è esposto al contropiede avversario. Diciamo che è stata una buona sgambatura con la nota positiva del ritorno di Chiriches con un primo tempo autoritario. Forse gli azzurri meritavano qualche spettatore in più al San Paolo, ma i tifosi oramai sono tutti concentrati alla prossima sfida a Fuorigrotta quando a scendere in campo sarà la Juventus. Sarà quella la partita dello “sfizio” e nulla più e questo Napoli contro l’attuale squadra di Allegri ha tutte le carte in regola per prendersi la soddisfazione di battere Ronaldo e compagni. Oramai i bianconeri sono fuori dalla Champions e proprio su queste colonne avevo anticipato che difficilmente sarebbero arrivato ai quarti di finale. Confesso che da sportivo italiano mi è dispiaciuto della sconfitta subita a Madrid, pensando al rischio di perdere in futuro i quattro posti nella prima competizione europea, da tifoso napoletano, invece, ho gioito soprattutto per assistere alla delusione di quella massa di fans juventini che si illudono di poter conquistare il mondo, mentre devono accontentarsi dell’ennesimo scudetto.

Ma, in attesa dell’impegno di Parma, aspettiamo di sapere quale sarà la prossima avversaria in Europa League. Speriamo che il turno sia alla nostra portata perché da esperto di calcio non vedo la possibilità per il Napoli di andare oltre i quarti di finale. Da tifoso, invece, vorrei che la prima gestione di mister Ancelotti fosse coronata dalla conquista di un trofeo europeo. Ritornando all’allenamento di ieri sera va sottolineata la solita superprestazione di Koulibaly, il difensore dai cento milioni di euro, la discreta prova di Verdi che il golletto lo ha fatto, anche se il suo ruolo è di seconda punta e non di centrocampista esterno sinistra, per finire a Ounas che ha segnato ma non è certamente Callejon e aggiungerei che non ha i numeri per sfondare.