shinystat spazio napoli calcio news Fantacalcio nel Comune di Napoli, scatta la polemica: "Si è toccato il fondo"

Fantacalcio nel Comune di Napoli, scatta la polemica: “Si è toccato il fondo”


Il fantacalcio entra nel Comune di Napoli, precisamente nella sede di Via Verdi ed è subito polemica. Come riporta l’edizione odierna di Repubblica, tra i banchi, per un giorno, si sono mischiati consiglieri municipali e cittadini e tanti ragazzi aderenti ad un format che è a metà tra sport e politica. L’asta del FantaNapoli.

“È qualcosa che va ben al di là della politica. È un’iniziativa privata, l’ho voluta io come presidente della commissione Sport – ha detto Carmine Sgambati – è un concentrato di gioco e integrazione. Chi strumentalizza muore solo di invidia. Il Comune non ha cacciato un euro”.

Come ovvio, non tutte le Municipalità hanno aderito, mentre negli scorsi giorni è stato diramato un bando rivolto ai cittadini interessati al gioco nelle dieci ex circoscrizioni, con l’obiettivo di formare i dieci team utili al gioco.

Tre premi in palio: una crociera, uno smartphone e borse di studio. Ha partecipato l’assessore allo Sport Ciro Borriello. Insomma un progetto di aggregazione, che non ha messo tutti d’accordo. Per esempio Francesco De Giovanni, presidente della Prima Municipalità, si è detto scettico circa questa iniziativa, di certo particolare: “Non ne so nulla, non abbiamo aderito. Non ho tempo, troppi problemi: uno sprofondamento a Posillipo, le proteste dei cittadini di Monte Echia per la scarsa pulizia delle strade. Ormai in Comune hanno toccato il fondo”.