shinystat spazio napoli calcio news Giuffredi sbotta: "Mario Rui una volta è Maradona, una volta no: ha dimostrato quanto vale! Sul mercato..."

Giuffredi sbotta: “Mario Rui una volta è Maradona, una volta no: ha dimostrato quanto vale! Sul mercato…”


Mario Giuffredi, agente di Elseid Hysaj e Mario Rui, ha parlato a Radio Kiss Kiss Napoli. 

Le sue parole: “Il Napoli sta vivendo un momento particolare dopo l’uscita dalla Champions, ora si deve dare continuità ai risultati. Mario Rui? Da un anno e mezzo sta giocando tutte le partite, senza quasi mai saltarne una. Anche fisicamente e mentalmente ha giocato partite anche complicate, qualche errore ci sta quando si giocano 60 partite. Ma ha dimostrato di essere un buon giocatore. Le critiche danno fastidio. Una settimana diventa Maradona, la settimana dopo non è buono. Il poco equilibrio nel pensiero della gente mi dà fastidio. A me e Mario non interessa, noi siamo concentrati sul nostro operato. Se vogliamo stare a sentire tutti gli addetti ai lavori, o i tifosi, dobbiamo prendere le nostre vite e darle in mano a loro. Noi andiamo per la nostra strada. 

Sia Mario Rui sia Elseid Hysaj sono contenti di avere un allenatore che li fa vivere bene e sono felicissimi di essere allenati da loro. Non mi faccio raccontare le curiosità. 

Grassi? Sta benissimo, ha cominciato la riabilitazione, sarà pronto per il prossimo ritiro. Lui è stato sfortunato, aveva cominciato benissimo col Parma. Si volterà pagina e tornerà più forte di prima.  Conti? Ho grande fiducia in Gattuso. Biraghi? Rimarrà alla Fiorentina, anche Veretout. Io penso sia destinato ad una carriera di grandissimo livello, ma gennaio non è il momento giusto. La soluzione migliore è finire il campionato con la Fiorentina. Napoli? Il giocatore piace, ma anche ad altre squadre. Ma parlare di mercato è inutile. Di Lorenzo? Nel giro di due anni sarà in una grandissima squadra, ha qualità straordinarie ed è fortissimo. Alfredo Donnarumma? Il calcio è cieco, i gol li fai in ogni categoria se sai farli e lui sa farlo. I dirigenti devono avere il coraggio di fare determinate cose”.