shinystat spazio napoli calcio news Tutta la rabbia di Perez: "Se perdo l'occhio non me lo restituisce nessuno. Ho una moglie e tre figli, non tornerò a giocare lì"

Tutta la rabbia di Perez: “Se perdo l’occhio non me lo restituisce nessuno. Ho una moglie e tre figli, non tornerò a giocare lì”


Una della immagini simbolo, decisamente tra le peggiori, della sfida di Copa Libertadores tra River Plate e Boca Juniors è stata certamente quella che ha visto il calciatore Pablo Perez con l’occhio bendato a causa dei frammenti di vetro che l’hanno colpito dopo la sassaiola sul pullman degli Xeneizes.

Il calciatore è tornato a parlare dell’accaduto: “Non potevamo giocare, ma ci stavano obbligando. Cosa sarebbe successo se avessimo giocato e vinto? Chi ci avrebbe fatto uscire da lì? La gente era impazzita, ci avrebbero ammazzato. Ci hanno aggredito fino al momento prima di entrare allo stadio e quando ero in ambulanza sono tornati a lanciare pietre. Avrebbero potuto compromettere anche la corsa in ospedale“.

Il giocatore del Boca se la prende con la CONMEBOL: “Vergognoso il loro comportamento. Schelotto mi ha chiamato al telefono quando ero in clinica, perché tornassi allo stadio: volevano farci giocare a tutti i costi. Ho l’occhio irritato – prosegue – per il vetro che è arrivato da tutte le parti. Se perdo l’occhio, non me lo restituisce nessuno. Non mi sono reso conto bene di quanto è successo, è stato tutto così assurdo. C’era gente ammassata tutta da una parte ad aspettarci, sono stati tre minuti che non auguro a nessuno.

Sono molto addolorato, anche per i tifosi del River che non c’entrano nulla e sono molto arrabbiati. Quello che è successo è una tristezza per tutti. Come possiamo giocare in uno stadio dove possiamo morire? Io non lo farò. Ho una moglie e tre figlie, quando sono tornato a casa la più grande piangeva e mi ha abbracciato“.