shinystat spazio napoli calcio news Higuain: "Chiedo scusa a tutti, dobbiamo essere un esempio per i bambini. Il fallo di Benatia..."

Higuain: “Chiedo scusa a tutti, dobbiamo essere un esempio per i bambini. Il fallo di Benatia…”


Alla fine del match tra Milan e Juventus ha parlato Gonzalo Higuain ai microfoni di SKY:

“Prima di tutto devo chiedere scusa a tutti, partendo dalla squadra, passando per i tifosi, fino al mister. L’arbitro sa cosa gli ho detto ed ho avuto una reazione esagerata, anche se sono del parere che qualche volta devono comprendere gli stessi arbitri le varie emozioni del momento. Purtroppo è andata così, chiedo scusa ancora a tutti per il mio comportamento.

In me è scattata una grande rabbia perché era fallo di Benatia, ma è stato fischiato a favore della Juventus e mi ha anche ammonito. Purtroppo la decisione è stata presa e chiedo scusa per la reazione che ho avuto.

Ovviamente quando giochi contro la tua ex squadra è sempre un’emozione diversa. Però è acqua passata e questo non deve più accadere. Il momento era delicato, avevo sbagliato un rigore ed eravamo sotto. Sono una persona molto emotiva e non controllo benissimo i miei sentimenti, quindi si vede subito quando sto bene o male. So che qualche volta non è serata, però siamo d’esempio per i bambini, per la gente che ci guarda, ma restiamo comunque umani e non robot. Questo non giustifica nulla e speriamo non accada più.

Ho un bellissimo rapporto con i giocatori della Juve ed è stato un piacere che abbiano provato a calmarmi. Sono calciatori anche loro e sanno cosa si prova. Questa partita è andata storta, specialmente per me. 

Tutti sanno cosa ho fatto alla Juve e cosa ho vinto, non sta a me dirlo. Poi è arrivato il Milan, che ha mostrato tutto l’amore e la convinzione ed oggi sono felice di essere qui. Però vedendo le reazioni di questa sera credo di aver lasciato qualcosa anche fuori dal campo.

Ero convinto del mio rigore, però Szczesny è partito prima e l’ha parato proprio per questo. Ha fatto una grande parata, però i rigori li sbaglia chi li calcia. Sentivo la fiducia e volevo segnarlo. Però ora non facciamo drammi, testa alta e vediamo avanti”.