shinystat spazio napoli calcio news Tanto impegno ma anche tanta confusione: al Napoli di Ancelotti mancano gli automatismi giusti

Tanto impegno ma anche tanta confusione: al Napoli di Ancelotti mancano gli automatismi giusti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Un buon primo tempo, con  un gran tiro da fuori area di Insigne che colpisce in pieno la traversa, e un tiro al volo di Milik su lancio di Zielinski. Un secondo tempo invece discreto, con la squadra decisamente più timida, che vive di due brividi: una punizione di Mario Rui con la palla di pochissima alta sopra la traversa; e il tiro a colpo sicuro di Callejon, salvato sulla linea da un difensore. Stella Rossa-Napoli può essere raccolta in queste poche righe, con un match che, pur vedendo i partenopei in pieno controllo, non ha vissuto di sussulti eccezionali.

Cosa è mancato al Napoli per vincere?

Mancano forse quegli automatismi che caratterizzavano il “sarrismo” di un tempo. Manca più concretezza in attacco, più cinismo. Insigne falso nueve è una piacevole scoperta, ma questa mossa costringe spesso Milik a defilarsi sull’out di destra, dove sembra decisamente un pesce fuor d’acqua. Ma la scarsa concretezza di questo Napoli non sembra essere un problema di singoli: le incursioni di Zielinski sono interessanti, il 4-4-2 libera Insigne da compiti difensivi e gli dà maggiore autonomia in attacco. Il nuovo schema di gioco e l’inserimento di nuovi uomini in campo, però, non consentono la naturale sintonia di un tempo e pretendere il contrario dopo solo 5 partite sarebbe utopistico.

L’esordio di Fabian Ruiz a metà campo

Ancelotti è un uomo coraggioso. E se non lo fosse non avrebbe vinto così tanto nella sua carriera. L’inserimento di Fabian Ruiz partito titolare per la prima volta in stagione è la dimostrazione del suo coraggio. Non è male la sua partita, ma è da valutare la sua posizione in campo. Non sembra avere nel DNA (almeno non ancora) i tempi del regista. Manca ancora un uomo in mezzo al campo in grado di recuperare palloni e di distribuirli in modo esemplare. Lo stesso Hamsik ancora non convince pienamente in questo ruolo. Attualmente gli aspiranti registi del Napoli sono tre: Hamsik, Ruiz e Diawara. Eppure, per il momento, nessuno di loro è riuscito a prendersi le chiavi del centrocampo. Ne saranno in grado? Ancelotti e la squadra hanno disperatamente bisogno di un leader che comandi il gioco.

CONOSCI SPAZIONAPOLI?

SpazioNapoli è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioInter.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy