shinystat spazio napoli calcio news Il Roma - De Magistris e De Laurentiis sul ring. Il Napoli ago della bilancia per la corsa in Regione

Il Roma – De Magistris e De Laurentiis sul ring. Il Napoli ago della bilancia per la corsa in Regione


Ormai è noto che i rapporti tra il calcio Napoli e il comune partenopeo, quest’estate, siano arrivati ai minimi storici. A peggiorare i rapporti, già non idilliaci, tra Aurelio De Laurentiis e Luigi De Magistris ci ha pensato il presidente della regione Vincenzo De Luca.

Il collega de Il Roma, Gianfranco Coppola, ha cercato di fare il punto della situazione di questo particolare triangolo politico ed imprenditoriale. Ecco quanto evidenziato per i suoi lettori da Spazio Napoli:

“Senza misura. De Laurentiis e De Magistris a centro ring, intorno folle contrapposte ed urlanti… Non c’è tempo. Se le suonano senza tentennamenti. L’uomo medio rimane perplesso. L’uomo normale basito. Ma la razza è in via di estinzione, grazie a WhatsApp, mail, messenger e chi più ne sa, ecco che ganci e montanti , diretti ed uppercut vengono riproposti maniacalmente aspettando l’ok del ricevitore. Come disse Scalfaro (chi era costui?…) “non ci sto” . Il presidente del Napoli ha saltuariamente strizzato l’occhio al Governatore De Luca, che pure mai ha messo piede al San Paolo (ma non è una colpa, sia chiaro, avendo tutto il diritto di dedicare i momenti liberi alla sfera dei sentimenti e del privato) e ha evidentemente sopportato al suo fianco il Sindaco di Napoli prima che lo strappo diventasse coriandoli di stoffa. E’ noto che dopo sfuriate presidenziali la curva B ha invitato il primo cittadino a prendere posto ne settore del cuore , e LdM ha gradito. Alla prossima…”

“E’ noto che AdL ha preso lo spazio desiderato sui giornali per dire la sua ,alla sua maniera. Sindaco inadeguato. La vicenda dei sediolini acquistati dalla Regione (per le Universiadi ci sono i fondi) è servita per dire che il Comune non spende ma prende quote, percentuali, etc… Cose peraltro sancite da accordi. Napoli entra prepotentemente nella contesa per la poltrona di Governatore. I due non si amano e si sfidano da tempo evitando perfino il saluto istituzionale…”

“Per ora la cosa che più sta a cuore ai tifosi, è il gioco di Carlo Ancelotti, l’eredità sarriana e le sue idee. A Carlo piacerà ammirare Napoli nella sua casa di collina del Vomero, ascoltare i consigli di vecchi e nuovi amici per buoni ristoranti… In fondo il Napoli suo malgrado si candida ad essere l’ago della bilancia nella lotta per la Regione ma sembra più una questione di arsenico e vecchi e dispetti tra rancorosi competitor”.