shinystat spazio napoli calcio news Dal Comune di Napoli: "Lo stadio sarà pronto per la prima in casa. Sediolini? Non dipende da noi"

Dal Comune di Napoli: “Lo stadio sarà pronto per la prima in casa. Sediolini? Non dipende da noi”


Quando ancora molte ombre aleggiano intorno ai lavori allo stadio San Paolo e ci sono perplessità che lo stadio sia pronto per le prime di campionato, il capo di gabinetto del Comune di Napoli, Attilio Auricchio, prova a far chiarezza nell’intervista rilasciata a Il Mattino.

Allora Auricchio, il 25 si gioca a Fuorigrotta o il Napoli migrerà a Palermo dove al momento il patron De Laurentiis ha chiesto di giocare? «Conosco il calendario della serie A, sono tifoso. Al Comune la Società non ha fatto nessuna richiesta. Se lei vuole sapere se l’impianto sarà agibile le dico certamente sì. Altra cosa ancora è che con la Società, a oggi, non ci sono rapporti giuridici. Vorrà dire che su richiesta daremo la stadio di volta in volta».

Insomma, De Laurentiis ha sbottato e non firmato la convenzione perché teme che i lavori siano in ritardo tanto che non ha lanciato ancora la campagna abbonamenti. «Alt. Tutti sapevano dei lavori, anche la Società. E lo sapevano da tempo. Abbiamo da mesi preparato una convenzione in maniera condivisa, consapevoli dell’importanza per la Società di giocare al San Paolo, un testo però non formalizzato dal presidente. Una convenzione con cui abbiamo cercato di andare incontro alla Società aprendo anche alla concessione di nuovi spazi. Abbiamo creato le condizioni perché al San Paolo potesse giocare solo il Napoli: quello non è uno stadio ma il tempio del calcio a Napoli e dei tifosi. Abbiamo fatto tutto il possibile, il presidente ora deve decidere cosa fare»

Ci sono margini per recuperare lo strappo con De Laurentiis? «Noi da sempre siamo disponibili al dialogo ma la disponibilità deve esserci da ambo i lati. La nuova convenzione va firmata per mettere anche la Società in sicurezza e siamo disposti a farla valere non considerando il calendario agonistico ma l’anno solare. Ce la stiamo mettendo tutta».

Il tema dei lavori è dirimente: con appena 7 operai come si fa a sanare un cantiere di quelle dimensioni? «A me questo non risulta, sono andato di mattina presto allo stadio e gli operai erano 25, forse stava finendo il turno. Il tema è che tutti – compreso la Società – sapevano che quei lavori andavano fatti. E mi lasci dire delle cose sulle balaustre, lavori del Comune che non c’entrano con le Universiadi. Quelle rotte sono servite per il collaudo, per verificare la loro solidità, non le stiamo montando già rotte, e saranno tutte installate per la gara del 25».

Restano i cumuli di macerie accatastati in ogni angolo interno dello stadio, non solo sulla pista. «Sulla pista tutto sarà risolto, il cronoprogramma è chiaro, alla fine – e parlo delle prossime tre settimane – sarà fatto un massetto a copertura perché lo strato di gomma lo metteremo solo alla vigilia delle Universiadi. Poi dove c’è un cantiere c’è materiale di risulta che per il 25 non ci sarà più».

Quando si potranno vedere i sediolini nuovi al San Paolo? «Entro la data in cui inizieranno le Universiadi, vale a dire luglio 2019, tempi non ne do perché non dipendono da noi.  Il Comune si mette a disposizione come Stazione appaltante e fornendo il progetto, il resto è tutto in carico all’Aru. Quando sarà assegnata la gara si sapranno con certezza anche i tempi».

Ma ne è valsa la pena mettersi in corsa per le Universiadi? «Parliamone l’anno prossimo di questi tempi. Noi siamo sicuri di farcela e poi ne è valsa la pena perché questo era l’unico modo per sistemare tutti gli impianti sportivi della città. La Ue non finanzia gli impianti sportivi perché ritiene che debbano essere messi a reddito. Era l’unica chance che avevamo e penso sia valsa la pena».

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl