shinystat spazio napoli calcio news Reina: "Sarri è come un padre per me, gli sarò eternamente grato. A Napoli piangi due volte, quando arrivi e quando te ne vai"

Reina: “Sarri è come un padre per me, gli sarò eternamente grato. A Napoli piangi due volte, quando arrivi e quando te ne vai”


Pepe Reina, ormai ex portiere del Napoli, ha rilasciato un’intervista per il quotidiano spagnolo AS. Oltre al tema Mondiali, ha parlato molto di Napoli ed i rapporti sia con Sarri che con De Laurentiis:

Come vedi l’ambiente della nazionale?

Con l’illusione di sempre. Vogliamo continuare a portare sul campo le idee del mister, che i risultati così buoni hanno dato in questi due anni.

Esiste un gruppo simile ai Mondiali del 2010?

Sì, in questa squadra è stata inculcata una sorta di filosofia e quelli tra noi più esperti si sono presi la responsabilità di trasmetterla e rispettarla nel corso degli anni.

Cosa ne pensi della lista del ct?

Scegliere 23 giocatori tra gli spagnoli è un compito incredibilmente difficile, ci sono molti che meriterebbero di esserci. I miei ex compagni Albiol e Callejón ne sono un esempio e ce ne sono molti altri.

Come si arriva alla Coppa del Mondo?

Con molta ambizione, poiché forse sarà l’ultimo e non so se dopo la Russia tornerò alla selezione. Voglio dire addio con un grande risultato, come sempre dando il mio contributo per raggiungere l’obiettivo.

Sono state settimane complicate per l’accusa della Commissione disciplinare della FIGC per aver frequentato presumibilmente persone legate alla Camorra.

Sono molto calmo, andrà tutto bene. Chi mi conosce sa che non ho niente a che fare con quel mondo. Ho incontrato molte persone a Napoli, ma non posso sapere tutto quello che fanno 300 amici nelle loro vite private.

Presto inizierà la tua avventura a Milano.

Uno dei più grandi club del mondo. Abbiamo l’obbligo di tornare in Champions League: una sfida entusiasmante.

Sarai titolare o riserva di Donnarumma?

Non ho fatto nessun discorso a livello personale. Non vedo l’ora di chiudere la mia carriera a Milano. Che sarò un titolare o meno dovrò vincere ogni giorno, in ogni allenamento.

La tua avventura italiana è iniziata nel 2013, con Benítez.

Il mister è arrivato a Napoli e mi ha chiamato più volte. Ero a Liverpool, vicino al rinnovo. Non ho pensato di andarmene, ma è arrivato Mignolet ed il progetto guidato da Rafa è stata un’ottima opportunità.

Parlando del Liverpool, cosa ne pensi della finale di Champions?

C’è stata partita fino all’infortunio di Salah, da lì i Reds si sono persi. Ma il Real Madrid ha vinto grazie alla sua perseveranza.

Cosa diresti a Karius?

Che ho avuto notti peggiori (ride). Il nostro lavoro è così: ora devi guardare avanti, anche se è complicato.

Nella tua ultima stagione napoletana siete arrivati ad un passo dallo scudetto. Il presidente De Laurentiis ha parlato di un campionato falsato dall’arbitro…

Prima di tutto dobbiamo ricordare il grande campionato del Napoli, con 91 punti. La Juve ha fatto di più e dobbiamo congratularci. Credo nella buona fede degli arbitri, ma anche che a livello sociale la forza bianconera è incomparabile con il resto.

Pensi che con Ancelotti il Napoli possa riprovarci?

Lo spero, ma finché la Juve continuerà ad investire così, sarà difficile.

Com’è stato lavorare con Sarri?

Uno spettacolo. È il grande artefice dei record che il Napoli ha sempre battuto in questi tre anni e del suo grande gioco.

Hai detto di essere molto grato per il suo aiuto fuori dal campo.

Siamo persone simili. Abbiamo avuto una relazione padre-figlio: gli voglio molto bene e gli sarò anche eternamente grato.

Consiglierebbe il Real Madrid, che è a corto di allenatore?

Lo consiglio a qualsiasi squadra del mondo, per le sue idee calcistiche e il suo modo maniacale di lavorare.

Quando hai deciso di lasciare Napoli?

Un anno fa il PSG fece un’offerta, ma il Napoli lo ha respinto: sarebbe stato facile, nell’estate dei “certificati medici”, trovare un modo per forzare l’uscita, ma abbiamo fatto un patto Scudetto ed ho deciso di restare.

È vero che hai avuto problemi con il presidente De Laurentiis?

Ha un modo di gestire il club che rispetto, ma ci sono cose con le quali non siamo d’accordo. Abbiamo due personalità forti e idee diverse.

Qual è il meglio e il peggio che prende dopo queste quattro stagioni a Napoli?

La cosa migliore è l’affetto che un’intera città ha dato a tutta la mia famiglia e a me. La cosa peggiore è che se ne siano andati senza realizzare il sogno che queste persone tanto desiderano.

Citando un film, ha sempre detto che chi arriva a Napoli piange due volte, quando arriva e quando se ne va. Alla fine, è vero?

Sì. Quando arrivi trovi una realtà diversa. Quando esci, ti manca molto.

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl