shinystat spazio napoli calcio news Una vittoria per chi vorrebbe esserci, ma non può

Una vittoria per chi vorrebbe esserci, ma non può

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Non potranno essere sugli spalti ad incitare i loro beniamini nella sfida più importante, ma il loro apporto si è già fatto sentire. Come già documentato durante tutta la giornata di ieri, il popolo azzurro ha voluto consegnare un messaggio chiaro alla squadra in partenza per Torino: “Noi siamo con voi“. E così, quando Insigne guarderà sconsolato gli spalti gremiti di colori bianconeri dopo un tiro a giro uscito di poco, saprà che in realtà tanti cuori azzurri batteranno a tempo con il suo. E saprà che il prossimo tiro potrebbe essere quello fortunato.

Non potranno essere lì molti dei tifosi azzurri, ma la carica che hanno dato ai calciatori basterebbe da sola per tutte e cinque le giornate che mancano. Ed è per questo che agli undici in campo non dovranno tremare le gambe al cospetto dei colleghi più vincenti. Ormai non c’è più differenza di mentalità tra casa e trasferta (41 a 40 i punti conquistati al San Paolo e fuori da esso), non c’è più il timore reverenziale dopo aver giocato a viso aperto contro il Manchester City, contro il Real Madrid la scorsa stagione e dopo le tante sfide con la Juventus in passato. Perché nella sfida di stasera c’è passato, presente e futuro della squadra.

Ora tocca ai ragazzi in campo. Toccherà a Reina restare vigile nella sua area di rigore e fuori da essa. Toccherà a Koulibaly e Albiol non perdere mai di vista il grande ex col dente avvelenato, che può risolvere la partita in un attimo. Toccherà a Jorginho muovere i fili della squadra in modo veloce, prima che gli avversari possano schermarne i passaggi. Toccherà ad Allan e Hamsik pressare ed inserirsi nella retroguardia bianconera per creare superiorità numerica. Ad Insigne e Callejon che dovranno aiutare i terzini col raddoppio per contenere la rapidità di Douglas Costa, l’estro di Dybala o la forza straripante di Mandzukic. A loro toccherà anche inventare calcio, con i tempi di gioco che solo loro due possiedono. Mertens non dovrà dare punti di riferimento alla difesa fisica degli avversari e combinare con rapidità con i compagni d’attacco per andare a impensierire Buffon.

Il campionato è vivo più che mai, e stasera, quel prato verde potrà esserne giudice, giuria e boia.

LUCA SOL

Preferenze privacy