shinystat spazio napoli calcio news Un occhio alla difesa, ma questa è la gente che non molla mai

Un occhio alla difesa, ma questa è la gente che non molla mai

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Un Napoli da batticuore quello visto ieri sera al San Paolo contro l’Udinese. In campo è scesa una squadra dal doppio volto, proprio come contro il Chievo. A tratti spenta e troppo passiva, ma quando c’è bisogno di una reazione d’orgoglio, di spingere sull’acceleratore, chi si trova di fronte viene travolto. A San Siro la vittoria è sfumata allo scadere, con Donnarumma miracoloso e Milik poco cattivo. Ma ieri lo stesso attaccante polacco non ha perdonato, proprio come Insigne, Albiol e Tonelli. Quattro reti di rabbia, per gettare il cuore oltre l’ostacolo. Da un lato l’orecchio verso Crotone, con i bianconeri che commettono un passo falso pareggiando 1-1, dall’altro una volontà di non mollare fino all’ultimo.

Troppi blackout

Nonostante la grande voglia di combattere, ultimamente sembra esserci in campo un Napoli stanco, quasi spompato. Ed il dato è presto visibile: il reparto arretrato è molto distratto, commette errori di posizionamento e soprattutto di lucidità. Ne è la prova Koulibaly contro il Chievo, che ha di fatto regalato un 2 contro 2 alla squadra clivense lanciandola praticamente a rete. Ieri sera, invece, Hysaj ha dimenticato troppo spesso di stringere su Perica, o di andare in chiusura su Jankto che gli sbucava alle spalle. Errori dettati dalla stanchezza di una stagione giocata ai massimi livelli, ma che devono mantenersi costanti, per continuare a sognare.

Difesa in calo

I numeri parlano chiaro: questo Napoli è in calo ed i gol incassati sono aumentati rispetto al girone d’andata. Nelle prime 19 giornate di campionato la squadra di Sarri vantava la miglior difesa del torneo, restando a quota 13 reti incassate. Da allora ne sono arrivate altre 10 in 14 incontri in Serie A. La media è aumentata di poco, ma è pur sempre superiore rispetto a prima. Se da un lato il Napoli ha iniziato a concedere qualcosa in più, la Juve ha intrapreso il percorso opposto: nel girone d’andata, infatti, le reti incassate sono state 15, mentre nelle ultime 14 partite l’imbattibilità di Szczesny e Buffon è schizzata alle stelle: solo 4 reti subite.

Allora si ritorna al solito discorso, secondo il quale con le difese si vince il campionato in Serie A? Se così dovesse essere, allora Sarri ed i suoi uomini dovrebbero invertire immediatamente la rotta e tornare a disputare lo strepitoso girone d’andata. In quelle partite i numeri dicono 15 vittorie, 3 pareggi ed 1 sconfitta, mentre fino ad ora, in quello di ritorno, sono arrivate 10 vittorie, 3 pareggi ed 1 sconfitta. Quindi, in fondo, per ripetere quanto di buono fatto nelle prime 19 gare, basterebbe “semplicemente” vincere le prossime 5 rimanenti. In quel caso si potrebbe davvero parlare di un sogno concreto, all’interno del quale basterebbe già un solo passo falso della Juve. Ora c’è un solo imperativo: CREDERCI!

GIOVANNI ANNUNZIATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Preferenze privacy