shinystat spazio napoli calcio news VIDEO - De Laurentiis: "Sarri ha un contratto fino al 2020, rinnovo già proposto. Quando vorrà firmare, noi siamo qui"

VIDEO – De Laurentiis: “Sarri ha un contratto fino al 2020, rinnovo già proposto. Quando vorrà firmare, noi siamo qui”


AGGIORNAMENTO 13.32 – I colleghi del Mattino, sul proprio sito web, riportano altre dichiarazioni del patron azzurro: “Sarri ha un contratto fino al 2020, il rinnovo gli è stato già proposto. Noi ci siamo incontrati a gennaio in Toscana. Sarri sa perfettamente come io la penso e ha tutta la mia stima. Quindi quando vorrà firmare, anche con eventuali modifiche da lui richieste per le quali siamo sempre democraticamente e razionalmente disponibile al negoziato e alla discussione, noi siamo qua. Ma mi sembra stolto chi vorrebbe trovare delle soluzioni che possono modificare la psicologia di uno che è concentrato nel preparare una partita contro il Milan e poi una con l’Udinese. Io credo che il problema sia importantissimo ma di secondaria importanza rispetto alle partite. Io comunque sono qui disponibile. Ci sono solo piani ‘A’, non ‘B’, io sono fatalista. Ogni allenatore ha bisogno di tempo per migliorare – ha concluso – ognuno, anche straniero, ha delle problematiche che si porta dalle precedenti esperienze professionali. Il discorso rinnovo per Sarri è importantissimo, ma secondario rispetto agli impegni principali relativi alle prossime partite”.

Poi svela: “Quando abbiamo giocato contro il Borussia Dortmund a Napoli chiesi a Klopp di allenare il Napoli. Mi rispose così: “La ringrazio presidente, per la sua richiesta. Ma ho ancora tre anni di contratto”.

Aurelio De Laurentiis a tutto campo alla presentazione dello spot firmato da Francesca Archibugi per la “Race for the cure 2018”, perché lui e la moglie sono da sempre presidenti onorari dell’Associazione Susan G.Komen.

Queste le sue parole, riportate dai colleghi di Gazzetta.it ed evidenziate dalla nostra redazione: “Mi sono battuto per il Var in Italia, non capisco perché non sia diventato un modello internazionale. Certi poteri forti, immagino, esistono ad ogni livello, anche nel calcio, quindi nella Fifa, nella Uefa, e ovunque, quindi possono rinviare questo sistema. Non sapevo delle dichiarazioni di Agnelli ma non posso che essere d’accordo con lui, anche nelle lamentele su Collina. A me il Signor Collina ha buttato fuori dall’Europa League negli anni precedenti, perché forse sono un uomo libero che ama parlare apertamente e che non ha scheletri nell’armadio. Le mie sono supposizioni nate da quanto mi è stato detto. In semifinale tiferò per la Roma, sono felice e soddisfatto quando noi italiani primeggiamo all’estero. I club in Europa dovrebbero poter creare una sorta di campionato dove tutti giocano contro tutti”. 

Sarri? A me risulta che abbia un contratto fino al 2020. La sua venuta è stata una mia scelta, anche contestata dai tifosi, mi sono assunto tutte le responsabilità perché sapevo quel che facevo. Ho sempre scelto io gli allenatori, non mi sembra di averlo fatto male. Sarri può rescindere, è vero, ma prima parliamone, sediamoci, discutiamone, io sono disponibile sempre”.

VIDEO (alanews.it):