shinystat spazio napoli calcio news Pantak, ag. Milik: "Arek sta meglio, molti parlano dell'infortunio senza sapere nulla! Vi racconto il passaggio al Napoli..."

Pantak, ag. Milik: “Arek sta meglio, molti parlano dell’infortunio senza sapere nulla! Vi racconto il passaggio al Napoli…”


L’agente di Arek MilikDavid Przemyslaw Pantak, ha rilasciato una lunga intervista al portale polacco Przeglad Sportowy parlando delle condizioni dell’attaccante del Napoli. Questo quanto evidenziato da SpazioNapoli:

Arek sta meglio, il suo recupero procede bene. Da qualche giorno ha iniziato a calciare il pallone, ma serve ancora tempo per il pieno recupero. Già ha subito questo infortunio, ma saprà rialzarsi. Recupero troppo veloce? Molte persone non sanno cosa dire o scrivere. Io non sono un medico, ma abbiamo piena fiducia nelle persone che ci circondano. Milik era tornato disponibile a febbraio, ma si è infortunato la seconda volta a settembre. Cioè sette mesi dopo. Le statistiche dicono che il 30% degli atleti hanno infortuni al legamento crociato della gamba opposta a quella già incidentata. Parliamo solo di sfortuna.

Per Arek non è il primo momento difficile della carriera. Dal punto di vista tecnico aveva avuto difficoltà quando passò al Bayer Leverkusen. Però, anche se molti ritengono quell’esperienza un fallimento, io ritengo abbia permesso al ragazzo di crescere ulteriormente. 

Il passaggio al Napoli? Ne parlammo a novembre 2015, otto mesi prima della conclusione dell’affare. Le buone prestazioni all’Europeo convinsero il Napoli che subito dopo il torneo lo volle prendere. Ricordo bene come è andata. Tutto era legato anche alla cessione di Higuain. L’Ajax aveva infatti richiesto una cifra fuori mercato, ma la vendita di Higuain ha dato al Napoli la liquidità per l’offerta giusta. La trattativa è stata difficile, l’Ajax non aveva intenzione di abbassare le pretese e non si trovava una soluzione. Partecipai a tanti incontri tra Napoli e Ajax dove i dirigenti erano molto distanti tra di loro per le cifre. Ero ad un matrimonio di un amico quando il direttore del Napoli mi chiamò dicendomi che avevano trovato l’accordo.