shinystat spazio napoli calcio news CorrSport - Mancini: "Hamsik? Lo volevo all'Inter ai tempi del Brescia. Il Napoli merita di essere primo. Insigne top, Mertens non è una punta"

CorrSport – Mancini: “Hamsik? Lo volevo all’Inter ai tempi del Brescia. Il Napoli merita di essere primo. Insigne top, Mertens non è una punta”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Nell’edizione odierna del Corriere dello Sport, ha parlato in una lunga intervista Roberto Mancini. Il tecnico dello Zenit ha parlato della qualificazione dell’Italia per i mondiali in Russia (nazione in cui lui allena), e apre le porte anche a un suo futuro impiego come ct degli Azzurri. Ma non c’è solo questo, perché tra i tanti temi toccati dall’ex City e Inter, c’è anche il campionato italiano e la leadership del Napoli.

“È giusto che il Napoli sia in testa alla classifica. È una squadra costruita pezzo dopo pezzo, un progetto portato avanti con continuità. La distanza dalle altre però è minima. È forte e ogni anno può essere quello giusto quando hai una formazione così. Dovrà fare i conti con la Juve che è tosta, concreta ed abituata a stare sempre lì. Sarà una bella sfida”.

La sua opinione sul Napoli è chiara, così come lo è quella sul gioco, definito ‘divertente’, ma precisa: “La più divertente per i tifosi è quella che vince lo scudetto. E, se volete sapere come la penso, chi arriva primo è anche chi gioca il miglior calcio perché di solito segna più di tutti e subisce meno gol”.

Insigne ha raggiunto lo stato di top player? Ecco come risponde e che cosa svela Mancini: “Insigne è forte, ma lì ce ne sono anche altri bravi. Per esempio c’è Hamsik che volevo portare all’Inter quando era al Brescia. Che dite, mi sbagliavo?” e aggiunge una risatina. Alla domanda sul più forte centravanti straniero in Serie A, esclude subito Dries Mertens: “Non è un centravanti, lo toglierei dalla lista”. Eppure i numeri del belga lo fanno pienamente competere con i grandi d’Europa. Ad ogni modo, fanno sicuramente piacere le parole di Roberto Mancini nei confronti degli azzurri.

Preferenze privacy