VIDEO – Portogallo, ginocchiata in faccia all’arbitro: squalificato a vita

Nel mondo d’oggi ormai non bisogna più meravigliarsi di niente, succede di tutto e di più. Succede anche che un calciatore, appena espulso dall’arbitro, inizia a protestare con quest’ultimo e gli rifila una ginocchiata in pieno volto. Si, è proprio così.

E’ accaduto in Portogallo, quando Mario Goncalves, attaccante del Canelas 2010, si scontra con un difensore avversario. Fin qui tutto ‘abbastanza normale’, scontri da gioco che capitano nel mondo del calcio. Arriva l’arbitro del match ed estrae il cartellino rosso ai danni di Goncalves, reo di aver colpito l’avversario con una spinta alle spalle ed un pugno in faccia. Qui succede l’irreparabile. Goncalves perde completamente la testa, prima spintona l’arbitro e poi lo colpisce in pieno volta con una violenta ginocchiata. L’arbitro cade a terra e, una volta rialzatosi, sospende immediatamente il match, con l’ingresso delle forze dell’ordine per placare gli animi e sedare la rissa.

Goncalves viene squalificato a vita dal Canelas 2010, ricevendo così una punizione davvero esemplare. Successivamente, ai microfoni di SIC, emittente televisiva portoghese, proprio il giocatore rilascia delle dichiarazioni decisamente strane e che destano tanto stupore: “Non ricordo di averlo colpito. Lui mi spingeva, se mi dici che era una ginocchiata, può essere, in tal caso mi scuso con l’arbitro e con la sua famiglia”.