shinystat spazio napoli calcio news Uno in Goal Spazio Napoli/ Cesarano: “Napoli, non sottovalutare la trasferta di Empoli. La società deve tutelare gli abbonati"

Uno in Goal Spazio Napoli/ Cesarano: “Napoli, non sottovalutare la trasferta di Empoli. La società deve tutelare gli abbonati”


Su Radio Antenna Uno, nel corso della trasmissione Uno in Goal Spazio Napoli, condotta da Andrea Gagliotti e Francesco Vassura, è intervenuto il noto giornalista partenopeo Rino Cesarano.
Cesarano ha prima parlato della promo-Juventus lanciata dalla società in occasione della doppia sfida contro i bianconeri: “È un’iniziativa che va a vantaggio di tutti. Il problema, però, c’è, e non risiede in questa iniziativa, bensì prima: il Napoli deve rivedere la strategia generale per gli abbonati, che sono calati molto, e se son calati un problema ci sarà. Non c’è un feeling tra pubblico e società, questa è sicuramente una causa. Secondo me, ci sarebbe da mostrare più gratitudine verso i fedelissimi, e lo si dovrebbe fare ad inizio campionato, non durante”.

Poi, occhi e commenti sul calcio giocato e, in particolare, sulla prossima sfida in campionato: “Il Napoli non deve sottovalutare la partita con l’Empoli. Sono testimone di tanti match andati male inaspettatamente, ricordo lo 0-0 ai tempi di Maradona, giusto per citarne uno. La trasferta è strana e insidiosa da sempre. I valori tecnici sono nettamente a favore degli azzurri, ma l’Empoli si trasforma quando li vede. Eppure, sarà una partita che dimostrerà la grandezza raggiunta dal Napoli, o meno”.

A trasformarsi qualche volta è anche il Napoli, e generalmente fuori casa, dove secondo Rino Cesarano “ha modo di fare il gioco che gli piace grazie agli spazi che lasciano gli avversari, cosa che non succede sempre al San Paolo. Gli unici in grado di risolvere il problema anche in casa sarebbero stati Milik e Pavoletti, ma conosciamo bene le loro condizioni”.

Un Napoli che, dunque, ha ancora da migliorare qualcosa anche secondo Cesarano: “È molto attento alle geometrie, ma spesso si lascia infilare perché non ha chiaro il concetto di marcatura dell’avversario. Questo è sicuramente un suo limite, un valore da acquistare nel tempo; ma ci sono già stati passi in avanti”.

Passi in avanti che sono testimoniati dalla buona stagione degli azzurri, tra i pochi a tenere acceso il campionato grazie al fiato sul collo alla Roma. Una serie A non entusiasmante, come ha notato pure il giornalista campano: “Siamo a marzo e i giochi sembrano già quasi fatti. Secondo me, andrebbe rivista la formula del campionato: non ha senso che ci siano squadre che hanno poco da dire a questo punto della stagione. La serie A diventa meno appetibile tanto qui quanto all’estero”.

Preferenze privacy