Home » Interviste » Saurini: "Il campo non ha esaltato le nostre qualità. Il pareggio è positivo, peccato per l'espulsione. L'obiettivo? Far crescere i nostri ragazzi"

Saurini: “Il campo non ha esaltato le nostre qualità. Il pareggio è positivo, peccato per l’espulsione. L’obiettivo? Far crescere i nostri ragazzi”

L’allenatore del Napoli Primavera, Giampaolo Saurini, ha parlato ai microfoni di SpazioNapoli al termine della gara pareggiata per 1-1 con il Camioneros nella partita d’esordio al Torneo di Viareggio. Queste le sue dichiarazioni:

Giocare su campi così malandati? Non mi compete. Posso soltanto dire che oggi il terreno di gioco non ci ha aiutato, purtroppo le nostre caratteristiche sono altre. Noi giochiamo palla a terra e oggi è stato particolarmente complicato. Detto ciò devo guardare alla prestazione dei ragazzi che hanno dato tutto e non hanno mai sofferto nella ripresa. Peccato per l’espulsione.

Punto guadagnato o due persi? Il Camioneros è una squadra di valore, lo scorso anno ha pareggiato con la Juventus e non è affatto inferiore. Ripeto, noi dobbiamo guardare alla nostra prestazione: in inferiorità numerica abbiamo sfiorato il vantaggio in almeno due circostanze e rischiato zero. Dobbiamo ripartire da qui. Oggi abbiamo visto anche giocatori nuovi (Delly e Mezzoni, ndr) e fatto giocare ragazzi che avevano giocato poco. Chiaro, la vittoria ci avrebbe fatto piacere. Il nostro obiettivo, al di là del risultato, è far crescere i nostri ragazzi.

Giuntoli? A fine partita abbiamo parlato della gara ed era soddisfatto della nostra prestazione. Abbiamo un rapporto quotidiano. I nuovi arrivi? Li stiamo inserendo pian piano. Qualcuno lavora con noi già da qualche tempo. Mezzoni è un classe 2000, é giovanissimo e sicuramente ci darà una mano. Tornei come questo servono anche per vedere altri ragazzi e per fare qualche esperimento tattico.

Negli ultimi 10 minuti abbiamo fatto qualcosa in più e forse potevamo cercare anche la vittoria. Spingersi troppo avanti, però, poteva esporci anche al loro contropiede e così avremmo rischiato di perdere. Peccato perché sul finale abbiamo rischiato di vincere con la traversa di D’Ignazio. È importante non aver concesso nulla ad una squadra ostica come il Camioneros“.

LEGGI ANCHE:   Gli chiedono del Napoli, Ambrosini sicuro: "Se lo dicessi, sarebbe una follia!"

RIPRODUZIONE RISERVATA