shinystat spazio napoli calcio news Nicola: "Penalizzati da decisioni dubbie, il Napoli non era in vantaggio meritatamente. Sui rigori e la mia espulsione..."

Nicola: “Penalizzati da decisioni dubbie, il Napoli non era in vantaggio meritatamente. Sui rigori e la mia espulsione…”


Davide Nicola, allenatore del Crotone, ha parlato in conferenza stampa. Le sue parole, qui raccolte dalla nostra redazione: “Siamo venuti sperando di far punti, siamo venuti qui per giocare come sappiamo contro una grandissima squadra in un bellissimo stadio. Probabilmente la dinamica della partita ha fatto sì che il tre a zero, che forse c’è, non c’è stato per gli episodi con cui il Napoli è andato in vantaggio. A mio avviso c’è stata una mancata espulsione di Rog, sostituito poi trenta secondi dopo. Il secondo rigore vede Hamsik in fuorigioco iniziale: il gol che è dipeso da noi è stato solo il terzo, quando non abbiamo seguito il taglio di Insigne. La prima occasione vera è stata nostra, con Trotta. Siamo stati poco meritevoli nel trasformarla. Sulla carta la differenza c’era, ma secondo me il Napoli non è pervenuto a questo vantaggio meritatamente. 

Obiettivamente credo che questo Napoli possa vincere contro il Crotone come e quando vuole: io analizzo però solo alcune situazioni, è quel che può accadere a tutti. Anche il Napoli ha avuto decisioni contro, sarebbe bello non commentare mai questi episodi ma mettetevi nei miei panni che alleno in una realtà piccola e devo spiegare che una sconfitta non è solo demerito nostro. Ho chiesto spiegazioni sulla mancata espulsione a Rog, non mi è mai capitato di essere allontanato. Non ho offeso nessuno, ho forse solo alzato la voce ma in questo stadio, con 45.000 persone, devi alzarla solo per potersi capire. 

Penalizzati per la posizione in classifica? Io vorrei che fosse chiaro un concetto: non è che il Crotone, nella mia persona, si lamenti dei giudizi arbitrali. In questo contesto sono stati dati generosamente, il Crotone avrebbe potuto vincere. Ognuno di noi ha il diritto di far valere le proprie ragioni. Siamo venuti qui per sfruttare le occasioni e far punti, avete visto una squadra che accetta i suoi limiti ma fa di tutto per salvarsi e raggiungere il quartultimo posto. Gli altri non camminano, noi dobbiamo fare qualcosa di straordinario. Continuiamo a crederci.

Trotta? Credo non solo lui stia crescendo. Non c’è un solo giocatore che non stia facendo la sua miglior stagione anche a livello di crescita personale. Oggi ha esordito un ’98 (Giuseppe Cuomo, n.d.r), per noi è una soddisfazione, per far crescere questi ragazzi.Il risultato sbloccato da qualche situazione molto dubbia. Non facciamo del male a nessuno dicendo questo!”. 

Preferenze privacy