shinystat spazio napoli calcio news Sarri e ADL, incontro dopo la Roma e tregua: ma quanto durerà?

Sarri e ADL, incontro dopo la Roma e tregua: ma quanto durerà?


Post gara infuocato per il Napoli, quello dopo la partita di andata contro il Real Madrid. Attacco di Aurelio De Laurentiis nemmeno troppo velato a Sarri, e il tecnico toscano che non la prende bene.

Come scrive La Gazzetta dello Sport, però, al momento tra i due c’è una tregua, in vista della partita delicatissima di domani contro il Madrid. C’è stato un incontro dopo la vittoria sulla Roma di sabato, un incontro servito a dare tranquillità e serenità a tutto l’ambiente.

Si sono trovati in una stanzetta, alla presenza del mediatore Giuntoli. Incontro durato più o meno un’oretta, per dare un segnale dopo che tutti erano ormai convinti che a fine stagione le strade si separassero. Convinzione rafforzata dalla scelta del silenzio stampa, interrotto solo per la partita di Coppa Italia contro la Juventus.

 

Il chiarimento, dunque, c’è stato. Ma quanto sarà stato reale? Il rapporto tra i due, scrive la rosea, non è mai stato idilliaco e si va avanti soltanto grazie alla striscia positiva di risultati che Sarri sta portando a casa da quando è al Napoli. La vittoria con la Roma ha riportato entusiasmo, dopo il post gara di Madrid.

E proprio Sarri ha dovuto cedere ad alcune pressioni di ADL: infatti il tecnico, accusato di far giocare sempre gli stessi, dopo 6 mesi ha iniziato a utilizzare per davvero Marko Rog. Il croato ha giocato contro la Juventus in Coppa Italia e contro la Roma in campionato, sorprendendo per qualità fisiche e tecniche. De Laurentiis ci aveva visto lungo su questo giocatore, abbastanza ignorato da Sarri fino ad ora. Così come anche gli altri acquisti non sono stati presi in grande considerazione: Maksimovic, Giaccherini e Pavoletti, con quest’ultimo pagato ben 18 milioni.

Quella tra Sarri e ADL sarà stata una vera pace o solo una tregua in visto del delicato match di domani? E’ presto per saperlo, perché De Laurentiis vuole un ambiente concentrato al massimo per la sfida con il Real Madrid: lui, come tutti, crede nell’impresa. Anche perché il risultato massimo in Champions è stato raggiungere gli ottavi con Mazzarri, e ora si vuole superare quella soglia.

Preferenze privacy