shinystat spazio napoli calcio news Uno in Goal Spazio Napoli/ Agostinelli: "La Roma? Le energie mentali faranno la differenza. Vi spiego il contrasto tra De Laurentiis e Sarri"

Uno in Goal Spazio Napoli/ Agostinelli: “La Roma? Le energie mentali faranno la differenza. Vi spiego il contrasto tra De Laurentiis e Sarri”


Nel corso della trasmissione “Uno in Goal Spazio Napoli” è intervenuto ai microfoni di Radio Antenna 1 Andrea Agostinelli. L’ex allenatore del Napoli ha commentato sia il prossimo match di Serie A tra Roma e Napoli sia il delicato momento in casa azzurra. Questo il giudizio di Agostinelli sul momento del Napoli:

“LE ENERGIE MENTALI FARANNO LA DIFFERENZA”

Roma-Napoli? Ci sono due squadre molto arrabbiate per gli ultimi risultati. Sarà nervosa dal punto di vista fisico. Credo avrà la meglio chi ha digerito mentalmente meglio le sconfitte. Cosa ha detto Sarri dopo la Juventus ai giocatori? Non possono essere due sconfitte contro Real e Juventus che possono farci perdere l’autostima. Vorrà non drammatizzare. Spalletti? Farà gli stessi discorsi di Sarri. Bisogna vedere chi otterrà una migliore reazione dal punto di vista mentale“.

“DE LAURENTIIS SCONTENTO DELL’UTILIZZO DELLA ROSA”

Il silenzio stampa del Napoli? Credo non faccia bene a nessuno. Qualche volta durante la stagione può risultare utile ma questo non mi pare il momento adatto. A Madrid hanno perso migliaia di squadre, fare queste cose per quel risultato sembra clamoroso. Parole di Giuntoli e Reina? La società deve tranquillizzare tutti. Critiche a Sarri? Incomprensibili, è uno dei migliori in circolazione. Dal punto di vista tattico non vedo problemi, il problema sono le prestazioni dei singoli. Prendiamo Reina, se mi fa le prestazioni del primo anno prendo qualche goal in meno. Così Koulibaly che ha avuto qualche passaggio a vuoto. Chiariamo le cose, il Napoli non è fuori da nulla, lasciategli fare il suo campionato. Il turn over? No, il problema sono i risultati, a volte si giudica a caldo. Serve maggiore equilibrio quando si giudica. Pavoletti? Credo sia un acquisto positivo, il problema è il meccanismo di gioco. Deve inserirsi e per quello serve pazienza. Io ho un timore, i tanti soldi spesi per Maksimovic e Pavoletti e il mancato utilizzo hanno creato tensione tra tecnico e società. L’allenatore però deve allenare la squadra senza influenze“.

Preferenze privacy