Home » News Calcio Napoli » Parisi: "Lapadula poteva essere il vero vice Milik. Ora..."

Parisi: “Lapadula poteva essere il vero vice Milik. Ora…”

Domenica a Palermo ha siglato la sua prima rete in serie A. Di tacco. Decisiva. Che gli è valsa anche la prima convocazione in nazionale. Per Gianluca Lapadula la carriera sembra essere ad una svolta decisiva, tanto più che anche nella titolarità di Bacca, fino a pochi giorni fa granitica, si è aperta qualche crepa. Ma tutto questo non è per niente casuale, è il frutto della determinazione, della grinta, della voglia che ha Gianluca di dimostrare che non è un giocatore, come si dice, di categoria; è un giocatore che anche in serie A, per giunta in un grande club, può dire la sua. E avrebbe potuto/voluto dire la sua anche nel Napoli.

LEGGI ANCHE:   Mertens incredulo dei manifesti in città: "Non mi abituerò mai!"

fabio-parisiAlmeno stando alle parole del noto agente FIFA Fabio Parisi, che, intervenuto in diretta su Radio Crc ai microfoni di Si gonfia la rete, ha dichiarato, tra l’altro, che il Napoli era molto vicino all’ingaggio dell’italo-peruviano e che, a suo parere, avrebbe ben figurato nel ruolo di vice Milik. Ma l’esitazione nella trattativa del club azzurro, ha favorito l’intromissione del Milan e non se n’è fatto più nulla. Queste le sue parole: “La cessione di Higuain ha consentito al Napoli di fare un mercato spumeggiante. Giuntoli è un dirigente capace e ha trovato i giocatori giusti sia per il presente che per il futuro del Napoli. Sarri è un allenatore preparato che per lavorare al meglio necessita di tranquillità, e non può essere criticato al primo errore. La serenità è più importante del modulo, non cambierebbe molto con l’inserimento del trequartista. Milik? Il Napoli il vero vice Milik l’aveva trovato: Lapadula. Ma la troppa attesa ha fatto sì che il Milan lo soffiasse al club azzurro. Gabbiadini ha ancora mercato, e se fosse possibile migliorare sarebbe giusto cambiare. Zaza sarebbe più adatto per il Napoli, mentre arrivare a Pavoletti è difficile in quanto il Genoa poi avrebbe il problema del sostituto.”

Certo, a vedere l’atteggiamento sempre un po’ molle di Gabbiadini, col senno di poi aumentano i rimpianti per non aver ingaggiato un ‘assatanato’ come Lapadula.