shinystat spazio napoli calcio news De Laurentiis e quel retroscena su Aubameyang, sintesi di un Napoli imbrigliato nella sua stessa essenza

De Laurentiis e quel retroscena su Aubameyang, sintesi di un Napoli imbrigliato nella sua stessa essenza

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Era nato come un semplice saluto ai tifosi ed invece è diventato un fulmineo flusso di coscienza, che ha toccato come sempre i temi più disparati togliendosi, perché no, anche qualche sassolino dalla scarpa. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato poco fa a lungo ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli (LEGGI QUI) e tra cambi di modulo suggeriti, una bella e ricca difesa a Gabbiadini ed un mercato di gennaio che sembra non decollerà, il massimo dirigente si è lasciato sfuggire un ghiotto retroscena riguardo il passato.

È infatti sbucato prepotentemente fuori un nome che il presidente ha più volte proposto a Sarri per l’attacco, per ben due anni: si tratta di Pierre-Emerick Aubameyang, talentuosissimo attaccante classe 1989 del Borussia Dortmund, che fa gola a tutta Europa. Cosa è andato storto? Apparentemente nulla, o tutto. Quando infatti è stato preso in considerazione in maniera concreta dalla dirigenza partenopea, è sempre arrivata secca la risposta di Sarri: “Non va bene per il nostro gioco, è inutile”.

In una frase, una semplice proposizione, c’è l’essenza e la sentenza del presente di un Napoli che continua a mordersi la coda, incastrato tra ciò che vorrebbe fare e ciò che puntualmente non fa. Resta questa la differenza tra il club partenopeo ed, ad esempio la Juventus: anche con un parco attaccanti già ricco ed una rosa competitiva tra campionato e Champions, se c’è modo di acquistare l’Higuain di turno, lo si fa. Non vuol dire acquistare senza senno e basandosi solo sul nome in questione ma, per il tanto agognato salto di qualità, uno sforzo c’è sicuramente da fare.

Quando sono due poi le parti da accomunare, la situazione si fa ancora più complessa: i profili che potrebbero tatticamente fare al caso del Napoli sono spesso fuori budget per il credo calcistico di De Laurentiis e quando lo stesso vorrebbe regalare un colpo di scena ai tifosi, viene fermato, giustamente come ha stesso lui dichiarato, dalle logiche tattiche e tecniche del mister.sarri giuntoli de laurentiis

Insomma, una situazione che lascia il Napoli impantanato non tanto per il presente ma per il futuro. Per colmare il gap con la Juventus capolista e con i top club d’Europa c’è sicuramente da lavorare tanto…ed anche da ritrovare una giusta sinergia tra le varie necessità, per modellare un Napoli sì talentuoso e di prospettiva ma che si possa basare anche su certezze e su nomi di qualità. Operai ed eccellenze insomma per un mix letale, così come diamanti grezzi da preservare e coccolare all’ombra del Vesuvio.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Preferenze privacy