shinystat spazio napoli calcio news Il Mattino - Suggestione Jackson Martinez per gennaio. Il colombiano vuole lasciare il Guanghzou, i dettagli

Il Mattino – Suggestione Jackson Martinez per gennaio. Il colombiano vuole lasciare il Guanghzou, i dettagli

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Una prigione dorata, nient’altro. La Cina nel destino, 12 milioni di motivi l’anno per accettare l’estremo Oriente ma ora, per Jackson Martinez, la maglia del Guanghzou Evergrande comincia a stringere, fino a togliere il respiro. Solo reti a corredo della sua esperienza orientale, rendimento figlio di un ambientamento che neanche i ponti d’oro costruiti per strapparlo all’Atletico Madrid  – agli iberici 42 milioni di euro – sembra aver addolcito. Il calcio che conta lontano, un miraggio, così come la sua Nazionale. Difficile farci i conti quando fino a qualche stagione orsono il suo nome era sul taccuino di tutti i migliori club europei. Impossibile.

Jackson Martinez Napoli

Allora spazio alla voglia di andar via, di scappare da questa prigione, direzione Europa senza ritorno. E con una suggestione tinta d’azzurro, come riportato dall’edizione odierna de Il Mattino. Jackson Martinez ed il Napoli, vicini quasi fino a toccarsi nell’estate dell’approdo di Benitez in riva al Golfo. L’entourage del giocatore accolto a Dimaro per vagliare la possibilità di completare un attacco da urlo con il nuovo arrivato, Gonzalo Higuain. Solo abboccamenti, in quel caso. Ma l’infortunio di Milik – con una riabilitazione da seguire costantemente –  fa sì che le suggestioni possano materializzarsi con uno schiocco di dita. E per il classe ’86 di Quibdó Napoli sarebbe un sogno ad occhi aperti.  Le doti ci sono, sebbene in naftalina. C’è la voglia di tornare protagonista e riconquistare i cafeteros. Come ai tempi del Porto, quando marcava il cartellino con cadenza matematica: 92 reti in 133 presenze con i dragoes.

La voglia di ritrovare l’Europa e la competizione vera, come già accennato, c’è tutta. Manifestata nell’assenso a decurtare l’ingaggio di oltre la metà: dai 12 mln attuali a 5, la possibile richiesta. La dirigenza azzurra alla finestra, difficile che un affare simile rientri nei parametri dell’entourage partenopeo a gennaio ma chissà. I segnali in quella direzione non mancano. Poi sarà il tempo a dettare eventuali condizioni.

Preferenze privacy