shinystat spazio napoli calcio news RAI - Continua il braccio di ferro tra il Napoli ed Insigne. E spunta un clamoroso retroscena su Gabbiadini...

RAI – Continua il braccio di ferro tra il Napoli ed Insigne. E spunta un clamoroso retroscena su Gabbiadini…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Durante la trasmissione Zona 11 p.m. Mercato è intervenuto il giornalista ed esperto di mercato Ciro Venerato. Queste le sue parole, raccolte dalla nostra redazione.

Lorenzo Insigne dopo la partita con il Besiktas si aspettava una pacca sulle spalle o una telefonata dal presidente De Laurentiis, ma non è arrivata. Posso dire che in settimana il signor Berry Hunt ha chiamato da Liverpool per Insigne: i Reds sono interessati. C’è stato anche interesse del Valencia di Prandelli, ma la pista non è calda. In questi giorni c’è un’altra multinazionale che vuole dare un contratto di sponsorizzazione ad Insigne: la multinazionale sta provando a contattare il Napoli, ma senza successo. Il che ha indispettito Insigne ed i procuratori. Al momento non ci sono incontri in agenda, con Giuntoli che avrebbe chiesto di chiudere prima i rinnovi di Ghoulam e Mertens”.NAPOLI, ROMA NELLA FOTO: DELUSIONE GABBIADINI FOTO MOSCA-AG.LIVERANI

Il giornalista poi si focalizza su Manolo Gabbiadini, svelando un curioso retroscena riguardante il numero 23 azzurro ed il suo procuratore Silvio Pagliari: “Il 23 agosto il procuratore di Gabbiadini ha chiesto la cessione. In 4 giorni porta l’offerta di 24 milioni di euro da parte dell’Everton. Volano parole grosse nella sede della Filmauro ed il Napoli si tira indietro. Ecco che dunque Pagliari chiama l’agente di Pavoletti e fu proprio lui protagonista. Il presidente offrì 18 milioni, che furono accettati da Preziosi, ma lo stesso Pavoletti ha temuto di perdere titolirità e Nazionale e quindi ha rifiutato. Da lì il patron azzurro ha offerto il rinnovo a Manolo. Concludo dicendo che l’Everton potrebbe tornare alla carica, ma adesso il Napoli potrà monetizzare, visto il rinnovo del calciatore”.

Preferenze privacy