shinystat spazio napoli calcio news L'ex Assessore svela il clamoroso retroscena: "De Laurentiis furioso per il San Paolo, aveva gli occhi di fuoco! Vi svelo cosa disse"

L’ex Assessore svela il clamoroso retroscena: “De Laurentiis furioso per il San Paolo, aveva gli occhi di fuoco! Vi svelo cosa disse”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’ex assessora allo sport della città di Napoli, Giuseppina Tommaselli, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Retenews24, rivelando alcuni retroscena scottanti sui rapporti tesi tra Aurelio De Laurentiis e il sindaco De Magistris e sul tema centrale del dibattito: lo stadio San Paolo.

“Nell 2014  la Corte dei Conti ha’convinto’ la Società Sportiva Calcio Napoli a sanare il debito con il Comune , per cui sono entrati nelle casse comunali ben sei milioni e duecento mila euro. La domanda è: perchè non sono stati reinvestiti negli impianti cadenti che ogni giorno fanno mille, duemila presenze di giovani  napoletani? dal 2014 quante altre partite sono state giocate al San Paolo, quale altro debito è maturato e perchè il Comune non  chiede alla Società di risanare? A che titolo la SSCN sta utilizzando l’impianto se la Convenzione è scaduta nel 2014? 

Poi l’incredibile retroscena: Ricordo che in una delle tante occasioni in cui noi assessori, il capo di gabinetto, i vertici contabili dell’Ente ci incontrammo con i vertici del Napoli per portare a termine i conteggi del famoso debito. Il presidente ebbe una delle sue plateali esplosioni  di ira verso il Ragioniere generale, che lasciò tutti noi senza parole, ma ancora più sconcertante fu il silenzio di chi in quel momento aveva il titolo giuridico per ridimensionarlo, il  tenente colonnello Auricchio! de-laureniis

“Eravamo in sala giunta, circa dieci persone. Staffisti, il segretario generale Virtuoso, Auricchio, i direttori dei grandi impianti sportivi, io come assessore e il compianto Mossetti che era, legittimamente,  determinato a recuperare  il debito nel più breve tempo possibile  L’attacco violento di Aurelio fu  proprio contro Mossetti. Disse: è dai tempi della Iervolino che mi rompi il … io prima o poi… ovviamente con le giugulari gonfie e gli occhi di fuoco“. 

Preferenze privacy