shinystat spazio napoli calcio news Contro il Besiktas per la storia. Record, ma non solo, il passaggio del turno come crocevia stagionale

Contro il Besiktas per la storia. Record, ma non solo, il passaggio del turno come crocevia stagionale

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Per il record, per la storia. E soprattutto per il bene di un gruppo che di certi stimoli deve tornare a nutrirsi. Napoli-Besiktas sarà Champions League, e già questo basterebbe a chiarire i contorni dell’ennesima serata da ricordare.  Vivere al massimo. Ma la gara contro gli uomini di Şenol Güneş porterà in dote un ulteriore stimolo, un fregio per pochi, anzi nessuno, la possibilità di scrivere la storia non solo del club, ma dell’intera massima competizione europea.

allan

Tre punti, portandosi al giro di boa a punteggio pieno e la possibilità di essere la prima squadra a guadagnare il passaggio del turno con tre giornate d’anticipo. Palla poi alle altre due contendenti, in attesa di un pari propizio. Prospettive da lucciconi, basti far cadere mente e riflessioni alla gara contro l’Arsenal nel dicembre del 2014. Anche allora fu recordmai nessuna squadra nella storia della Champions eliminata con quattro vittorie all’attivo. Come il Napoli nessuno mai, come se non bastassero la musichetta ed il sostegno del San Paolo a pompare energia nelle membra del gruppo di Maurizio Sarri. Palcoscenico di prestigio e un obiettivo ben inciso nella mente. Perché diciamolo, in ballo non c’è solo la storia. Per niente.

Arrivare a metà ottobre con la certezza matematica del passaggio del turno – e la necessità esclusiva di blindare il primo posto in vista dei sorteggi – permetterebbe al Napoli di affrontare con un minore dispendio psicofisico i mesi che verranno. Manna dal cielo in un periodo come questo, tra defezioni pesanti e una brillantezza che è sembrata scemare nelle ultime uscite. La possibilità di dedicarsi a pieno regime ad un campionato che non può essere compromesso a pochi passi dai nastri di partenza. Artefici del proprio destino, con uno sguardo alla sfida tra Benfica e Dinamo Kiev. Notte da Champions, con una finestra sul futuro. La miglior panacea per smaltire le scorie di due settimane complicate. E ripartire.

Edoardo Brancaccio

Preferenze privacy