Spalletti-Totti, parole di fuoco!

Alla vigilia di Fiorentina-Roma, match in programma domani sera alle ore 20.45 il tecnico giallorosso Luciano Spalletti ha parlato nella consueta conferenza stampa pre-partita. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da vocegiallorossa.

“Purtroppo Francesco viene usato in maniera sbagliata, se ne rende conto anche lui. Io non voglio togliere nulla: lo scorso anno ne abbiamo parlato chiaramente. La squadra iniziava a far bene senza di lui, visto che recuperava da un infortunio. Io voglio trovare altri riferimenti, voi no. Utilizzate tutto questo per spaccare la Roma, visto che quando si dà troppo potere ad una persona succedono cose del genere. Sento solo commenti negativi, sulla società, sulla squadra, sull’ambiente, sul tecnico. C’è qualcosa che va bene in questa Roma? Il presidente Pallotta ha speso dei soldi su cose che resteranno. Più di dire che Francesco è un genio, cosa devo fare? È normale che alla sua età vada gestito, ma anche lui deve aiutarmi nel far crescere giocatori importanti. Lo scorso anno, come adesso, ci ha dato un contributo eccellente. Così come il resto della squadra. Quando si scrive che il merito è solo suo, si capisce da che parte sta. Io devo far vedere che procedo in una direzione, ma il fine può distaccarsi dagli obblighi”.Francesco-Totti-Luciano-Spalletti

“Francesco è straordinario, ma la Roma non vincerà mai nulla se è solo Totti. Lui ha vinto tanto, ma da solo non basta per far vincere un’intera squadra. Non bisogna considerare la passione degli sportivi, loro facciano quel che vogliono. Noi dobbiamo creare un solo corpo di entusiasmo. Ne abbiamo parlato a colazione perché si allenerà da solo, visto che ci sono i funerali della zia. Abbiamo parlato di tante cose, come di quelle tirate in ballo da Nainggolan. Non ho nulla contro Totti, anzi secondo me non sarà nemmeno all’ultima stagione. Voi mi attribuite responsabilità che io non ho. Posso anche dire che io smetto quando smetterà Totti. Lei (riferendosi al giornalista, ndr) che mi risponde? Ho solo un anno e secondo me bisogna smettere se non arrivano i risultati. Se non vinco devo smettere. Nessuno ha dato i giusti meriti alla Roma, perché abbiamo vinto anche senza Totti; il record di punti del girone di ritorno l’ha fatto la Roma. Le posso dire che se Totti continua a giocare sarò ancora tecnico della Roma, altrimenti non lo sarò più”.