shinystat spazio napoli calcio news DAL PORTOGALLO - Per Herrera il Porto aveva fissato una scadenza ma la trattativa continua: la situazione

DAL PORTOGALLO – Per Herrera il Porto aveva fissato una scadenza ma la trattativa continua: la situazione


Napoli-Porto, è braccio di ferro tra le parti. Oggetto della contesa, o discordia, che dir si voglia, resta Hector Herrera, forte centrocampista messicano di proprietà del club lusitano. Trattativa lunga, estenuante, a tratti logorante e senza ancora una fine, a quanto pare. I due club continuano a trattare, il Napoli ha l’accordo col giocatore  da tempo e questo, in qualche modo, mette in una posizione di vantaggio De Laurentiis e il suo staff, sicuri della volontà del giocatore di cambiare aria ed accasarsi alle pendici del Vesuvio. D’altro canto il Porto è osso troppo duro, non molla, anzi rilancia: insomma l’accordo tarda ad arrivare. 

Emergono però interessanti retroscena, direttamente dal Portogallo. Ne parla il portale online Record: il Porto aveva fissato una scadenza per Herrera, entro e non oltre il trenta giugno, in un verso o nell’altro. I lusitani saranno impegnati nel ritiro pre-campionato in vista del preliminare di Champions League (il Porto è arrivato terzo nello scorso campionato, n.d.r) e stanno cercando di vendere i giocatori in uscita per poi andare ad investire i soldi incassati nei rinforzi chiesti dal tecnico. Il Napoli non è riuscito a chiudere entro la data di scadenza ma la trattativa è viva e continua ad oltranza. 

Nonostante l’accordo tra le società tardi ad arrivare, filtra parecchio ottimismo, soprattutto daa_Porto_Hector_Herrera_1280x720 Napoli: la sensazione è che alla fine i due club dovranno venirsi incontro. Il messicano attualmente è in vacanza, dopo le fatiche della Copa America Centenario ma resta un esubero: la sua cessione resta fondamentalmente necessaria per il Porto che non è riuscito a chiudere nessun colpo. Sviluppi importanti sicuramente arriveranno, nei prossimi giorni. Il Napoli resta sicuro, l’affare è sempre più vicino alla sua conclusione. 

Preferenze privacy