shinystat spazio napoli calcio news Montervino duro con Jorginho: "Ha poca personalità. Conte non l'ha convocato per un preciso motivo"

Montervino duro con Jorginho: “Ha poca personalità. Conte non l’ha convocato per un preciso motivo”


L’ex calciatore e capitano del Napoli, Francesco Montervino, è intervenuto a “FUORI GARA”, trasmissione in onda su Radio Punto Zero, dove ha espresso il proprio parere sulla Nazionale e sul Napoli, soffermandosi in particolare su Jorginho. Ecco quanto evidenziato da SpazioNapoli:

Ventura è tra i migliori allenatori italiani, e non solo. A Napoli ho avuto il piacere di conoscere la sua metodologia confrontandola con quella di altri suoi colleghi. Ha capacità tecniche indiscusse ed un grandissimo senso tattico. Mi auguro possa fare grandissime cose perché al calcio italiano servono insegnanti di calcio, proprio come lui. È pronto per una sfida così importante. Anche Sarri è un insegnante di calcio, va rispettato ma, come tanti calciatori, debba crescere in esperienza e duttilità. Jorginho ha fatto una grandissima stagione ma, come ho detto precedentemente, non ha la personalità necessaria per prendere la squadra per mano. È molto giovane ed ha grandi qualità, verrà anche il suo momento. Conte ha scelto Thiago Motta e De Rossi per l’esperienza internazionale e per il carisma. Come caratteristiche, Jorginho non rispecchia il faro che ha in mente Ventura nel suo centrocampo a cinque, ma il napoletano tornerà certamente utile al nuovo ct in futuro.

jorginhoZielinski? Arriva per fare panchina, non giocherà titolare. Avrei fatto altre scelte, ma anche puntare sulla crescita della panchina può essere una strategia vincente. Forse, però, così si cresce lentamente, ed allora ci vorrà pazienza per avvicinarsi alla Juventus. Discorso diverso per Herrera, che è meno giovane del polacco ma ha già esperienza internazionale. Il messicano può giocare ovunque, ha qualità e quantità. Si tratta di un giocatore vero. Lapadula? Non so quanto potrà servire al Napoli. Probabilmente poco perché giocherà col contagocce. Di sicuro, però, sarebbe più adatto di Gabbiadini per fare il panchinaro. Due giorni fa ho lasciato il Taranto, ma da tarantino credo che la società sia pronta per la Lega Pro“.