Tramezzani: “Il Napoli non ha demeritato con Juve e Roma. Hysaj? Lui sta benissimo a Napoli, ma…”

Il vice allenatore dell’Albania, nazionale rivelazione delle ultime qualificazioni a Euro 2016, Paolo Tramezzani, è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Zero, soffermandosi sul momento del Napoli e sul futuro di Elseid Hysaj. Queste le parole di Tramezzani: “Il Napoli deve saper vincere anche con il carattere e non solo con il bel gioco. Il gioco ti serve per arrivare ai risultati, questo è ovvio, ma la voglia di vincere e la cattiveria non possono mancare. Ed è tutta qui la differenza tra gli azzurri e i bianconeri. Poi tutto dipende anche dal mercato che farà il Napoli: se Higuain non viene ceduto allora i problemi diminuiscono, e servirà solo puntellare la rosa. A centrocampo manca fisicità e anche un pizzico d’esperienza”.

“Il Napoli non ha demeritato né contro la Juve né contro la Roma, però è mancato qualcosa che potesse portare a risultati diversi. Sarri sulla gestione delle gare? Non credo non sappia gestire i momenti clou delle gare, pure perché ormai il suo Napoli gioca a memoria. Servirebbe invece alzare il tasso tecnico, altrimenti colmare il gap dalla Juve risulta difficile. Un esempio può chiarire tutto: la Juventus ha subito molti più infortuni del Napoli, eppure non si è mai sentita l’assenza né di Khedira né di Morata”.

hysajLa stagione di Hysaj? Può ancora migliorare, e lui lo sa. È molto giovane e per migliorarsi ha bisogno di tanta umiltà. I tifosi lo hanno accolto molto bene, e ora è un elemento fondamentale per il Napoli. Sta giocando tanto senza tirarsi mai indietro, anche in Nazionale mette in mostra la sua grande personalità. Il suo futuro? Mi dice sempre che a Napoli sta molto bene, è super felice dell’avventura con la maglia azzurra. Poi il mercato è imprevedibile, e i calciatori possono finire ovunque. Per il momento, è impensabile vedere Hysaj lontano da Napoli”.

 

Home » News Calcio Napoli » Tramezzani: “Il Napoli non ha demeritato con Juve e Roma. Hysaj? Lui sta benissimo a Napoli, ma…”