shinystat spazio napoli calcio news La moviola della GdS/ "Nessun complotto ma troppi errori per Rizzoli ed una ripresa da dimenticare"

La moviola della GdS/ “Nessun complotto ma troppi errori per Rizzoli ed una ripresa da dimenticare”


Ancora un’analisi, ancora una moviola che condanna l’operato dell’arbitro Rizzoli in Torino-Juventus. Anche la Gazzetta dello Sport riporta tutti gli errori del direttore di gara anche poco coadiuvato dai suoi assistenti, con un pizzico però di giustificazioni in più. Ecco quanto raccolto da SpazioNapoli: “Un derby sfug­gi­to di mano a Ni­co­la Riz­zo­li. Ca­pi­ta anche ai mi­glio­ri. Sono quin­di inu­ti­li, fuori luogo e pe­ri­co­lo­se even­tua­li die­tro­lo­gie. Re­sta­no gli er­ro­ri e una ri­pre­sa da di­men­ti­ca­re per la squa­dra ar­bi­tra­le. Poco da dire sul primo tempo, in­fat­ti, dove il fi­schiet­to bo­lo­gne­se è molto at­ten­to e non ri­spar­mia i car­tel­li­ni: ne mo­stra ben cin­que, ma ci stan­no tutti e so­prat­tut­to sem­bra man­da­re un mes­sag­gio chia­ro alle due squa­dre: «Non ci sa­ran­no scon­ti per nes­su­no». A ini­zio ri­pre­sa, però, il metro di giu­di­zio cam­bia e i gio­ca­to­ri se ne ac­cor­go­no”.

juventus torino

RI­GO­RE E POI… “Il To­ri­no rien­tra su­bi­to in par­ti­ta gra­zie a un giu­sto ri­go­re: Alex San­dro af­fon­da la sci­vo­la­ta su Bruno Peres, sfio­ra il pal­lo­ne che però resta gio­ca­bi­le dal gra­na­ta (è in ve­lo­cità, può an­da­re al cross) steso poi dall’av­ver­sa­rio. Riz­zo­li in­di­ca il di­schet­to (forse dopo un con­sul­to con l’ad­di­zio­na­le Ir­ra­ti), ma non estrae il se­con­do gial­lo per lo ju­ven­ti­no. Ci stava: azio­ne po­ten­zial­men­te pe­ri­co­lo­sa ed en­tra­ta di San­dro non certo da edu­can­da. In que­sta fase Bo­nuc­ci pro­te­sta in modo vi­sto­so: am­mo­ni­to (era dif­fi­da­to). La rab­bia del To­ri­no au­men­ta in modo con­si­de­re­vo­le al 13’ quan­do l’as­si­sten­te To­no­li­ni ferma Maxi Lopez per un fuo­ri­gio­co ine­si­sten­te (è in linea con Cua­dra­do): il suc­ces­si­vo 2-2 è così can­cel­la­to in­giu­sta­men­te”.

CAR­TEL­LI­NI AL RI­SPAR­MIO. “Ma la gior­na­ta ne­ga­ti­va di Riz­zo­li si con­clu­de con una ge­stio­ne sba­glia­ta dei car­tel­li­ni. Ri­spar­mia­to prima un gial­lo a Bo­nuc­ci (sa­reb­be stato il se­con­do) per l’ir­re­go­la­rità a cen­tro­cam­po su Maxi Lopez. Que­sta scel­ta porta poi l’ar­bi­tro a gra­zia­re Glik (già san­zio­na­to nel primo tempo: anche lui era dif­fi­da­to) au­to­re di un fallo da am­mo­ni­zio­ne «senza se e senza ma» su Alex San­dro. In­som­ma, sia Bo­nuc­ci, sia Glik re­sta­no in campo fino alla fine della par­ti­ta, ma avreb­be­ro do­vu­to usci­re prima. Chi non fi­ni­sce la gara è Khe­di­ra: sul 4-1 perde la testa in ma­nie­ra in­com­pren­si­bi­le in­sul­tan­do Riz­zo­li da un metro. Rosso di­ret­to ine­vi­ta­bi­le. Per il resto, anche la Juve re­cla­ma un ri­go­re per l’in­ter­ven­to di Ga­ston Silva su Cua­dra­do, ma il gra­na­ta col­pi­sce prima il pal­lo­ne, spo­stan­do­lo: ok far con­ti­nua­re. E’ re­go­la­re, in­fi­ne, la po­si­zio­ne di Mo­ra­ta in oc­ca­sio­ne del poker bian­co­ne­ro”.