shinystat spazio napoli calcio news Razzismo, linea dura in arrivo per la Lazio. C'è l'ipotesi dell'esclusione dalle coppe europee

Razzismo, linea dura in arrivo per la Lazio. C’è l’ipotesi dell’esclusione dalle coppe europee


Mano ferma, linea durissima. Il rispetto e l’antirazzismo rappresentano principi cardine su cui la UEFA poggia ormai da anni. E, proprio per questo, episodi come quelli di giovedì sera nel corso della sfida di Europa League tra Sparta Praga e Lazio non passano di certo sotto silenzio.

Gli ululati razzisti all’indirizzo dell’esterno dei ceki Costa, con conseguente sospensione della gara per alcuni secondi da parte del direttore di gara iberico Undiano Valleco, sono sottoposti al vaglio degli organi ispettivi della massima istituzione calcistica europea. In attesa di un responso il 22 marzo, a margine di un apposito dibattimento in cui verranno ascoltate le parti in causa.

costa

Costa Nhamoinesu (30), allo Sparta Praga dal 2013

La difesa dei legali biancocelesti si poggia su un dato: l’episodio deprecabile c’è stato, è innegabile, ma gli autori non sarebbero i tifosi biancocelesti, bensì i supporter del Wisla Cracovia, presenti a Praga a seguito di un gemellaggio con i sostenitori laziali.

Nessun pericolo per la gara di ritorno degli ottavi, preventivabile il rischio di una o più gare a porte chiuse nel caso in cui gli uomini di Pioli agguantassero il passaggio del turno. Ma questa sanzione, oltre a quella pecuniaria, è solo una delle ipotesi che potrebbero seguire all’episodio di giovedì.

I tifosi della Lazio sono da tempo sotto la lente delle autorità UEFA e, nello specifico, potrebbe pesare la recidività. Episodi di razzismo sono ormai da alcune stagioni all’ordine del giorno, già ripetuti nelle annate 2013-2014 e in quella successiva; e al tempo costarono sanzioni e turni a porte chiuse alla società di Lotito. A gennaio il più recente, non in Europa ma in Serie A, con Irrati che sospese la gara per i soliti, beceri, ululati all’indirizzo di Kalidou Koulibaly. Dati i presupposti non è da escludere, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, una vera e propria stangata: l’esclusione della Lazio dalle coppe europee. Anche, nel caso, vincendo l’Europa League i biancocelesti guadagnassero il diritto ad un posto in Champions League la prossima stagione.