shinystat spazio napoli calcio news Spendere con parsimonia, obiettivo primario in tempi di crisi

Spendere con parsimonia, obiettivo primario in tempi di crisi

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il mercato del Napoli è già iniziato, precisamente da quando Aurelio De Laurentiis ha deciso di fare un erasmus in Spagna per cercare di portare all’ombra del Vesuvio Emery. E ai molti partenopei che si chiedono chi sia questo 43enne iberico, rispondiamo con un semplice assunto: è riuscito laddove Benitez ha fallito con il Napoli, vincere l’Europa League. E l’ha fatto, per giunta, due volte di fila.

Ebbene, a Emery, o a chiunque prenda posto sulla panchina azzurra, dovrà essere fornita una squadra all’altezza della situazione. Che sia rifondazione, ricostruzione o smantellamento poco importa: sarà un’estate calda in casa Napoli.

E dovrà esserlo anche senza i proventi della Champions, per cause di forza maggiore. All’orizzonte in questo momento i tifosi azzurri vedono soltanto un periodo lungo e tribolato, un mercato al risparmio, fatto di nomi altisonanti e promesse non mantenute.

Non necessariamente dovrà andare così, perché talvolta risparmiare non significa perdere qualità, e qualcuno in Italia lo sa bene: l’intero centrocampo della Juventus è stato pagato intorno ai 10 milioni, Menez, che nel bene e nel male ha tenuto a galla il Milan, è costato zero, così come Lewandowski al Bayern Monaco.

Fondamentale, senza i soldi della Champions, sarà spendere con parsimonia. Cosa che negli ultimi anni è stato fatto di rado. Un nome su tutti: Vargas, e gli 11 milioni con cui ADL l’aveva portato a Napoli. Ma anche i 9 milioni per Britos, i 7 per Dzemaili (svenduto per meno di 1,5 mln per abbassare il tetto ingaggi), i 18 per Inler. E, dulcis in fundo, il contratto di un milione all’anno (per quattro anni!) a Donadel: veri e propri suicidi finanziari da parte della società.

Spendere con parsimonia il primo obiettivo. I nomi non mancano: c’è Sandro, fortemente voluto in passato, che è retrocesso in Championship con il QPR e avrà voglia di cambiare aria. Ci sono poi le occasioni a parametro zero: Milner, con il suo ingaggio faraonico, Konoplyanka, che ha gettato gli azzurri fuori dall’Europa League, Gignac e Vlaar.

Presto per le valutazioni? Forse sì. Anche perché manca una figura di riferimento, il Ds che andrà a rimpiazzare Bigon, promesso sposo al Verona. Sogliano, Petrachi, Micheli, Mantovani o Sartori: chiunque sia dovrà confrontarsi con una realtà difficile. Gente abituata a fare mercato con pochi spiccioli, specialmente Petrachi, che a Torino ha preso Immobile e Cerci come avanzi per poi rivenderli a prezzo d’oro, e Sartori, che ha imbastito il Chievo dei miracoli, in pianta stabile a metà classifica per due anni di fila.

In tempi di crisi, di quinti posti, di perdite da venti milioni, è importante spendere meno ma attentamente: perché non sempre risparmiare significa perdere qualità.

Vittorio Perrone

Preferenze privacy