Home » Interviste » Immobile: "Dortmund piazza calda ma il cibo non è per loro. Ecco cosa faccio quando parlano male di Napoli..."

Immobile: “Dortmund piazza calda ma il cibo non è per loro. Ecco cosa faccio quando parlano male di Napoli…”

Napoletano di Germania, legato a delle origini radicate nel profondo. Ciro Immobile, approdato la scorsa estate al Borussia Dortmund, ha rilasciato un’ampia intervista per le colonne di Sportweek .

Un ambientamento graduale in una piazza calda, un contesto ospitale che l’ha accolto a dovere: “Il primo giorno al Borussia mi hanno fatto cantare. Il pezzo lo hanno scelto loro: Notti magiche. La sigla di Italia 90. A Dortmund il calcio è tutto e per capirlo basta venire una volta allo stadio: sempre pieno, con un tifo bollente. Ma è perché non hanno molto altro. È concepito quasi come uno svago per le famiglie. Siamo in zona retrocessione eppure ci siamo ritrovati gli ultras al campo d’allenamento una sola volta, dopo la sconfitta con lo Schalke, rivale storico. Erano in sei, hanno chiesto di parlarci: “Ci aspettavamo di più”, hanno detto, e se ne sono andati”

Tifoseria, quella del Borussia, legata da una solida amicizia a quella azzurra, tanto da coinvolgere anche gli stessi giocatori: “Il video con Grosskreutz? Un giorno venne e mi disse:”Se qualcuno insulta Napoli o il Napoli, io gli voglio rispondere. Insegnami una parola brutta, ma brutta proprio”. E io gliel’ho insegnata.”

Un pizzico di Golfo, da portare con sé: “Se ho assaggiato qualche piatto tedesco? Questo mai. La Germania è bella ma il cibo non è cosa loro. Per fortuna vicino allo stadio ho trovato un ristorante napoletano. Vado spesso lì”. Essere napoletani nel cuore della Ruhr è anche questo.