Home » News Calcio Napoli » Il Napoli diviso tra il ballottaggio Andujar-Rafael e la probabile rivoluzione della prossima stagione

Il Napoli diviso tra il ballottaggio Andujar-Rafael e la probabile rivoluzione della prossima stagione

Il ruolo dell’estremo difensore è forse il più difficile nel calcio, ricoprendo di grandi responsabilità chi deve difendere la porta della propria squadra. Non deve solo gestire la propria prestazione, ma altresì guidare al meglio i compagni di reparto, spesso ultima ancora di salvezza prima di subire gol. Servono fiducia e continuità, che però non sempre sono all’ordine del giorno. Ecco perché a Napoli c’è aria di cambiamento per la prossima stagione.

CERTEZZA E NOVITA’- Il nome più blasonato è sempre quello di Luigi Sepe, ora in forza all’Empoli, ma con la formula del prestito. Ritornerà a Napoli a fine stagione e per lui sarà pronto un quadriennale, pronto a giocarsi le sue opportunità. Il nome nuovo però arriva dalla Bundesliga. Infatti, secondo quanto riporta l’edizione odierna di Tuttosport il Napoli avrebbe messo gli occhi su Loris Karius, ventunenne del Mainz che però piace anche a Roma e Milan. Il club per la cessione del suo cartellino chiede 6 milioni.

LEGGI ANCHE:   Olivera in aeroporto in partenza dall'Uruguay: quando arriva a Napoli! (FOTO)

SGUARDO AL PRESENTE- E Rafael? Il portiere brasiliano sta pagando lo scotto dell’errore di Palermo, sommerso dalle critiche e da un momento personale non facile. L’edizione odierna di Repubblica scrive a riguardo: “Il brasiliano si è allenato anche ieri, giorno di riposo, sotto gli occhi dell’allenatore e del suo staff che devono verificare soprattutto la tenuta mentale del portiere dopo l’errore di Palermo e il mare di polemiche che lo ha travolto in settimana. Benitez potrebbe confermarlo, anche se il partito pro Andujar è maggioranza assoluta tra i tifosi. Rafael da parte sua è molto determinato a cancellare Palermo e ritrovare fiducia”. Contro il Sassuolo per il match di lunedì infatti, potrebbe essere rigettato nella mischia qualora Benitez lo ritenesse pronto e carico per il riscatto. In caso contrario scalpita ancora Andujar, che a Trebisonda si è confermato il giusto mix di qualità e carattere.