Home » News Calcio Napoli » Critiche a Zielinski, Boniek: “C’è una cosa che non può fare”

Critiche a Zielinski, Boniek: “C’è una cosa che non può fare”

Piotr Zielinski non ha brillato nel finale di questa stagione di Serie A, dopo un inizio abbastanza promettente. La stella polacca ha subito una défaillance nell’ultimo periodo, che lo ha sottoposto a molte critiche.

Il centrocampista in 34 presenze in A è andato a segno solo 5 volte fornendo 5 assist. Tre gol in meno rispetto alle 36 apparizioni della scorsa stagione con 8 gol totali nel campionato italiano. Insomma, delle prestazioni che soprattutto nelle ultime gare hanno deluso le aspettative, rendendolo sempre di più oggetto di critiche.

Zbigniew Boniek, ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli nel corso di “Radio Goal”, ha lasciato alcune dichiarazioni in merito alle prestazioni di Piotr Zielinski. Di seguito quanto dichiarato:

LEGGI ANCHE:   Ultime calciomercato, il Napoli punta un centrale di Serie C

Ho visto Piotr e non è il calciatore che ho conosciuto in passato. È evidente che ha delle difficoltà e che non sia al top della condizione. Non conosco i suoi problemi, se derivino da un aspetto fisico e meno, ma comunque non si possono mettere in discussione le sue qualità”.

Zielinski Napoli
Piotr Sebastian Zielinski (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Zielinski in difficoltà, problemi tattici o fisici?

È dunque evidente che Zielinski stia attraversando un periodo di difficoltà, anche se non se ne conoscono i motivi. Si potrebbero dare spiegazioni sia su un assetto tattico che fisico.

Al polacco Boniek è stato poi posto il seguente interrogativo da parte di Mimmo Malfitano, il quale ha espresso il suo pensiero dal punto di vista tattico: “Penso che il problema sia di tipo tattico, sarei più indulgente con il calciatore. Lui è una mezzala, per questo motivo non può giocare da sottopunta”.

Il punto di vista del giornalista ha scatenato subito la risposta di Boniek, il quale ha replicato: “Può darsi che sia anche questo. Ma comunque resto dell’idea che un centrocampista debba essere abile a fare un po’ tutto: sapersi inserire, innescare gli attaccanti, fare bene sia la fase di possesso che non possesso. Evidentemente Piotro non è al massimo della condizione“.