Home » News Calcio Napoli » Alvino duro: “A Napoli non possiamo passare per i fessi”

Alvino duro: “A Napoli non possiamo passare per i fessi”

Carlo Alvino, giornalista e tifoso del Napoli, ha commentato la sconfitta degli azzurri contro il Milan al Maradona ai microfoni di Radio Goal, in onda con Valter De Maggio su Radio Kiss Kiss Napoli. Il presentatore ha affrontato diversi temi: arbitri, mentalità, aspetti tecnici e tanto altro ancora.

AC Milan’s Brazilian midfielder Junior Messias (L) fights for the ball with Napoli’s Italian forward Lorenzo Insigne during the Italian Serie A football match between SSC Napoli and Milan AC at the Diego Armando Maradona stadium in Naples on March 6, 2022. (Photo by Tiziana FABI / AFP) (Photo by TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Napoli-Milan, parla Alvino: “Abbiamo 30 punti a disposizione, non dobbiamo fermarci qui!”

Carlo Alvino, giornalista napoletano, ha commentato così la partita persa domenica sera dal Napoli contro il Milan:

Guai a pensare di aver perso partita e campionato domenica sera. Avrei detto la stessa cosa se avessimo vinto: non sarebbe stata decisiva per lo scudetto.
Ci sono 30 punti a disposizione e sulla pettorina d’allenamento c’è un messaggio che mai come questo momento è il messaggio giusto: qua non si molla di un centimetro, la sfida del Bentegodi servirà ad alimentare il sogno
“.

LEGGI ANCHE:   Il Bari di De Laurentiis ha una nuova stella: chi è Walid Cheddira

Il Napoli si riprenderà? Immagino sarà così a Verona, dove ci sarà bisogno di una grande prestazione: al 99,9% i risultati dipendono dalla prestazione.
Non possiamo passare per i fessi che non si lamentano, non dobbiamo arrenderci alle prime difficoltà come è successo già qualche volta. Se per far vincere queste partite al Napoli dobbiamo arrabbiarci, ci arrabbiamo tutte le settimane tranquillamente
“.

Questione di mentalità? Ribalto il progetto, io se gioco nel Napoli ho la fame di vincere. I calciatori non possono abituarsi a non vincere, perché è insita nell’essere umano la voglia di vincere, ancor di più a Napoli se sei un atleta. È vero che qui non è mai stato facile vincere, ma dobbiamo cambiare registro: non possiamo adagiarci in questa mentalità da non vincenti.
Mi auguro che Spalletti, da valore aggiunto, possa fare un discorso di carattere motivazionale, anche se è vero che sul campo siamo poco brillanti ma spesso è la testa che prevale sulle gambe”.