Schira su Sarri: “Un suo ritorno a Napoli? Non credo che sia possibile, l’addio è stato brusco”

sarri
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Nicolò Schira, esperto di mercato, è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni in diretta su Instagram. Nel corso dell’intervista, Schira ha parlato anche della situazione attuale di Maurizio Sarri, ex allenatore di Napoli e Juve, che è in cerca di una nuova sistemazione. Ecco quanto riportato:

Sarri è ancora sotto contratto della Juve, ha un contratto importante di cinque milioni più bonus per quasi altri due anni. Lui deve incassare circa 13 milioni dalla Juve se al momento non trova altra squadra. La sua situazione assomiglia un po’ a quella di Spalletti con l’Inter, lui non ha fretta di trovare un altro contratto, lui spinge al momento di una proposta importante. So che un paio di mesi fa ci è stato un interessamento da parte della Roma, ma poi Fonseca ha fatto un filotto strepitoso e perciò non si è fatto nulla”

“Credo che Sarri da un lato voglia restare in Italia e allenare una big ma non vedo tante panchine per lui, ci sarebbero le due milanesi ma entrambe stanno facendo bene quindi Sarri lo vedo un po’ fuori dalle due dinamiche delle milanesi. Un suo clamoroso ritorno al Napoli ogni tanto se ne parla ma non mi sembra semplicissimo anche perché ricorderete che l’addio è stato abbastanza turbolento. La Roma anche è da escludere perché Fonseca sta facendo bene. Potrebbe tornare alla Premier ma anche lì non ci sono tante panchine libere. Non è semplicissimo ora trovare una squadra per Sarri

“In Italia siamo bravi ad alzare in area i calciatori come siamo bravi a massacrarli. Ricordiamo che Sarri negli ultimi tre anni professionali è arrivato terzo ha vinto un’Europa League con il Chelsea, pio ha conquistato uno scudetto con la Juve, in Champions non ha fatto tanto visto che è uscito agli ottavi con il Lione ma comunque i bianconeri anche in precedenza non avevano fatto molto in Champions. La Juventus negli ultimi anni era arrivata in due finali con Allegri ma poi hanno fatto anche passi falsi. Non hanno mai avuto una squadra tra le migliori. C’è bisogno di un qualcosa di straordinario come ha fatto Sarri al Napoli. All’interno della Juve ci sono anche calciatori come Bonucci che sono a fine carriera. Secondo me il Campionato è ancora lungo e da tanto non c’erano le famose sette sorelle”.

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI