De Luca: “Troppi sindaci sono delle nullità, parlano a sproposito. Chiuse le scuole d’infanzia in Campania”. Non mancano gli auguri a Maradona

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha tenuto la consueta diretta del venerdì per aggiornare i cittadini riguardo l’emergenza coronavirus.

Siamo entrati in una fase gravissima dell’emergenza. Andrebbero messi in campo spirito di sacrificio ed unitario, ma ora è esattamente il contrario, con tutte queste rivolte. Troppi organi di stampa hanno puntato sulla demagogia e sulla rabbia dell’opinione pubblica. C’erano persone mascherate, cialtroni che dicono stupidaggini. Sembrava di stare in Afghanistan”.

“Abbiamo ascoltato sindaci che sono delle nullità, che non hanno fatto nulla per le proprie città. Non hanno cacciato un euro, non hanno interrotto la movida, non hanno mosso un dito”.

Non c’è alcuno scandalo sugli ospedali campani, ma ormai prevale il sentito dire. Si dà troppa credibilità a notizie infondate. In questo momento sta emergendo il meglio e il peggio dell’Italia. Il meglio è rappresentato dai medici, infermieri, specialisti che combattono al limite delle proprie forze; il peggio sono le persone che trovano tempo per fare polemiche sterili ed inutili Secondo il Papa non c’è più il diritto all’intimità, la politica ha perso pudore, non ci si ascolta più. Basta leggere queste parole per capire quanto le notizie infondate creino situazioni di scompiglio, specialmente in questo periodo”.

Tutti i governi sono in seria difficoltà; Germania, Francia, Inghilterra stanno prendendo decisioni drastiche. In Italia l’Opposizione non fa altro che creare problemi, con la loro demagogia, è una vergogna; bisogna sostenere il Governo. Ma bisogna anche riconoscere gli errori”.

“Primo su tutti: ritardo nella presa di decisioni, che scontentano tutti. Poi, sottovalutazione dell’emergenza in atto e conseguente perdita di tempo. Il sistema ospedaliero sta andando al collasso. Critico inoltre la mancanza di rigore, poiché non si fa nulla per far rispettare le ordinanze”.

In più è vergognoso che il ministro dell’Istruzione si ostini a voler tenere aperte le scuole, sebbene ci siano dei dati di contagio drammatici. Non si possono ascoltare queste cose. I maggiori vettori di contagio secondo i dati sono i bambini più piccoli, perché asintomatici ma facilmente raggiungibili dal virus; e si continua a perdere tempo. La cosa più grave però è che non ci sono aiuti socioeconomici veri. Non si può pensare di fare un piano mensile se l’emergenza è palesemente più lunga. Non si creda nella chiusura di aree determinate, come Milano o Napoli. Non si dicano stupidaggini. Le uniche misure accettabili sono quelle di carattere nazionale, altrimenti si tratta di cose inutili”.

Spesso la nostra regione ha anticipato molte decisioni. Abbiamo fatto di tutto, ad esempio, per dare la maggior sicurezza possibile nelle scuole; poi abbiamo imposto la DaD. A settembre abbiamo messo un obbligo per le mascherine sempre, fuori di casa. Se questa ordinanza fosse stata fatta prima a livello nazionale, parleremmo di un’altra situazione ora. In questi mesi abbiamo raddoppiato il numero dei posti letto in terapia intensiva, abbiamo creato un ospedale modulare, mentre altri facevano polemica. C’è stata un’assunzione di 3000 nuove persone per la sanità, abbiamo acquistato vaccini prima di tutti. Da 5000 tamponi al giorno a 20000, arriveremo a 25000. Un vero e proprio miracolo. Siamo tra le regioni che hanno reagito meglio all’emergenza”.

Abbiamo verificato che i bambini piccoli sono diventati vettori di contagio, e per questo chiudiamo anche la scuola d’infanzia. La Campania aumenta, inoltre, la disponibilità di posti letto in terapia intensiva in base alla domanda. Non c’è alcuna emergenza né spreco di denaro pubblico. C’è stress per posti letto e ricoveri ordinari, non di terapia intensiva”.

Ad Arzano abbiamo mille contagi al giorno. Tante persone hanno voluto sfuggire all’ASL, contagiando però anche i comuni vicini. Questo è un comportamento sbagliato ed incivile. Bisogna rispettare la zona rossa ed il lockdown. L’appello a tutti i cittadini della Campania è di anticipare le misure drastiche degli altri paesi anche senza comunicazioni formali. Comportiamoci come a marzo, in modo che tutto migliori quanto prima”.

La regione Campania è stata l’unica istituzione che ha varato aiuti economici a tutte le categorie in difficoltà. La pagliacciata della tovaglia qui non ha ragione d’esistere. Si dovrebbe ringraziare la Campania, quando andate di fronte la regione dite ‘grazie’. Quelli che soffrono davvero spesso non vanno a fare le proteste inutili, probabilmente chi protesta non ne ha neanche bisogno”.

Faccio gli auguri a Maradona. Un genio del pallone, spero si curi di più, in foto non l’ho visto al meglio”.

“Ascierto con lo Spallanzani sta lavorando al vaccino anti-Covid. Interviene sulla genetica, speriamo si concluda in tempi rapidi. Stiamo lavorando anche in ottica post-Covid. Ad esempio, stiamo progettando aerei a propulsione elettrica. Guardiamo al futuro”.

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI

Preferenze privacy