shinystat spazio napoli calcio news Repubblica - De Laurentiis all'assemblea di Lega con sintomi da Covid-19: la Procura di Milano apre un fascicolo

Repubblica – De Laurentiis all’assemblea di Lega con sintomi da Covid-19: la Procura di Milano apre un fascicolo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Aurelio De Laurentiis, così come comunicato in settimana dalla società, è definitivamente guarito dal Covid. Il presidente del Napoli è risultato negativo agli ultimi due tamponi effettuati e può tornare a Napoli dopo aver trascorso la quarantena nella sua casa a Roma.

Intanto, secondo quanto riportato dall’edizione odierna della Repubblica, il pm di Milano ha iniziato a indagare per la vicenda relativa a De Laurentiis, che lo scorso 9 settembre partecipò all’assemblea di Lega Calcio, nonostante avesse sintomi riconducibili al Coronavirus.
Ecco quanto raccolto da Repubblica.

“La Procura di Milano ha aperto un fascicolo “conoscitivo” modello 45, cioè senza ipotesi di reato né indagati, per la vicenda relativa al presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che il 9 settembre aveva partecipato a un’assemblea della Lega Calcio pur avendo sintomi riconducibili al Covid-19. Sulla vicenda era stato il Codacons a presentare un esposto chiedendo di indagare per epidemia colposa. L’apertura del fascicolo – che rientra nelle indagini coordinate dal dipartimento tutela della Salute della Procura, guidato da Tiziana Siciliano – è un atto dovuto conseguente all’esposto, ma è prevedibile che nessuna ipotesi di reato possa configurarsi.

Secondo quanto appreso, infatti, De Laurentiis non aveva ancora avuto il risultato del tampone e dunque non sapeva con certezza di essere positivo, sebbene avesse qualche sintomo. Quando si è presentato a Milano in Lega Calcio, parlando anche con diversi giornalisti senza mascherina, non aveva un certificato di positività. In questo caso, il Testo Unico delle leggi sanitarie (all’articolo 260) prevede soltanto un illecito amministrativo, punibile con una multa (da 400 euro a 3mila euro). L’autoisolamento in caso di febbre superiore a 37,5 o manifestazioni della malattia non certificate è infatti considerato puramente fiduciario.

Diverso il caso di chi viola la prescrizione di stare a casa dopo aver avuto una diagnosi di positività: in questa circostanza è invece prevista l’ipotesi di inosservanza dei provvedimenti dell’autorità (art. 650): un reato (aggravato per l’eventuale conseguente epidemia) punibile da tre a 18 mesi e con un’ammenda da 500 a 5mila euro.

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI

Preferenze privacy